/ Sanremo Ospedaletti

Sanremo Ospedaletti | 18 febbraio 2018, 13:27

Sanremo: Narciso (Potere al Popolo) replica a Iacobucci (FdI) sulla questione dei manifesti elettorali coperti “Non usiamo queste astuzie”

“Comunque, a differenza del venerato maestro di Iacobucci, il cui motto era, se non erro, “me ne frego”, noi chiederemmo scusa per tale incidente”

Amelia Narciso (Potere al Popolo)

Amelia Narciso (Potere al Popolo)

Riceviamo e pubblichiamo la risposta di Amelia Narciso (Potere al Popolo) a seguito della polemica sollevata da Fratelli d'Italia per la copertura di alcuni manifesti elettorali nella zona del Borgo.

Scrive Amelia Narciso:

Prima di tutto ringrazio Iacobucci per avermi definito signorina, perché mi ha tolto un bel po' di anni dalle spalle e mi ha rinvigorito, ancora più pronta a sostenere 'Potere al Popolo' nella sua innovativa esperienza politica.
In secondo luogo gli comunico che nessun suo manifesto è stato coperto dai nostri, è stato certamente male informato: si può trattare di una affissione al posto sbagliato, errore già segnalato, compiuto forse da un nostro compagno che, tra un momento e l'altro dei suoi impegni, ha collaborato generosamente ad affiggere i manifesti (noi evitiamo di chiedere ai nostri amici migranti collaborazioni che dovrebbero imbarazzare chi invece li utilizza proclamando però di volerli ributtare a mare).
'Potere al popolo' vuole rassicurare Iacobucci che non è nel nostro DNA compiere queste piccole astuzie, perché non ne abbiamo bisogno: chi ci conosce sa come e per chi lottiamo, non da oggi, ma da tanto tempo, nelle forme più svariate che sono la sostanza dei nostri percorsi di vita. Comunque, a differenza del venerato maestro di Iacobucci, il cui motto era, se non erro, “me ne frego”, noi chiederemmo scusa per tale incidente. 
Per ultimo mi sono riservata la parte che tocca il mio essere antifascista: Iacobucci, mi hai reso un grande onore nel testimoniare, con la tua uscita tortuosa e iraconda, il mio antifascismo. Vuol dire che sono sulla strada giusta, sono dalla parte di chi è pronto a difendere dagli attacchi sempre più arroganti la nostra Costituzione, ad essa si appellano tutti ormai, ma gli obiettivi a cui tendono sono ben diversi da quelli di chi antifascista è davvero, e non rispondo con le mie parole alle tue provocazioni, ma con quelle della mia Associazione Nazionale, l'ANPI,  “qui ed ora c'è una minaccia per la democrazia. Sotto varie sigle il neofascismo e il neonazismo si stanno moltiplicando,  diffondendo i virus della violenza, della discriminazione, dell'odio verso chi è bollato come diverso, del razzismo e della xenofobia”.
Per questo a tali idee disumane l'ANPI si contrapporrà sempre, per dare una diversa risposta, affermando che esiste un'altra visione della realtà ed io mi adopererò sempre per sostenere la battaglia per questa altra realtà. E approfitto per confermarti che, appena il Comune di Sanremo sarà disponibile ad ascoltare le mozioni dei suoi cittadini, noi dell'ANPI sosterremo con rinnovata intensità la richiesta della “defascistizzazione” del nostro Comune.
Se ti può interessare, aggiungo che la premessa del programma del Potere al Popolo è la affermazione e l'impegno della difesa della nostra Costituzione, scaturita dalla nostra Resistenza (da scrivere con la maiuscola): sembra scritto da uno di quei giovani che stamattina eravamo ad onorare, uccisi dai predecessori dei tuoi amici che sfilano con la testuggine.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium