/ ATTUALITÀ

Spazio Annunci della tua città

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. saranno disponibili a partire dal 70° giorno (intorno al 20...

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | domenica 18 febbraio 2018, 14:20

Sanremo: attesa entro fine mese la sentenza del Tar sulla legittimità della sosta a pagamento in strada Tre Ponti

La decisione potrebbe bloccare iniziative simili per l’estate 2018

Le operazioni per il pagamento della sosta ai Tre Ponti

È attesa entro la fine di febbraio la decisione del Tar ligure sul ricorso presentato dai balneari dei Tre Ponti per la tanto discussa sosta a pagamenti istituita l’estate scorsa.

L’anno scorso i proprietari e i gestori delle spiagge dei Tre Ponti, tra le più frequentate a Sanremo, erano insorti dopo la decisione del Comune di istituire la sosta a pagamento per limitare e controllare l’ingresso delle auto, specie per questioni di sicurezza. Una decisione che aveva diviso portando alla spaccatura tra i balneari e l’ex Assessore Leandro Faraldi.

Tanto che i balneari avevano presentato ricorso per chiedere una sospensiva che poi non fu concessa. Ma resta sempre in vigore il ricorso al Tar che si dovrebbe esprimere nelle prossime settimane. Un eventuale parere a favore dei balneari significherebbe lo stop ad eventuali iniziative simili per l’estate 2018 ed è ovviamente l’ipotesi che si augurano i balneari.

Nel frattempo i gestori degli stabilimenti dei Tre Ponti hanno presentato in Comune il progetto di una bretella di collegamento con l’Aurelia per istituire il tanto atteso senso unico nella piccola via in riva al mare. Un lavoro che, anche se approvato, non potrebbe risolvere il problema per l’estate 2018 ma solamente dall’anno successivo in poi.

Dopo che il Tar si sarà pronunciato bisognerà quindi trovare una soluzione adottabile nei prossimi mesi in attesa che la bretella diventi realtà.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore