/ EVENTI

Che tempo fa

Cerca nel web

EVENTI | 13 febbraio 2018, 12:46

Un viaggio in Sicilia: Soci e lavoratori Coop nelle terre confiscate alle mafie

Tre incontri pubblici raccontano l’esperienza di un gruppo di Soci e dipendenti Coop al campo di impegno e formazione presso la cooperativa Placido Rizzotto-Libera Terra di San Giuseppe Jato. Li organizzano le Sezioni Soci Coop Liguria di Imperia, Sanremo e Ventimiglia, in collaborazione con Libera Imperia

Cooperativa Placido Rizzotto-Libera Terra

Cooperativa Placido Rizzotto-Libera Terra

Le Sezioni Soci Coop Liguria di Imperia, Sanremo e Ventimiglia organizzano tre incontri pubblici per illustrare l’esperienza dei dipendenti e dei Soci Coop che hanno partecipato al campo di impegno e formazione presso la cooperativa Placido Rizzotto-Libera Terra di San Giuseppe Jato, che gestisce terre e beni confiscati alle mafie. Gli incontri sono promossi in collaborazione con l’associazione Libera di Imperia, nell’ambito delle iniziative in vista della Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie che ricorre il 21 marzo.

Questo il calendario degli appuntamenti, che vedranno la partecipazione di Maura Orengo, referente provinciale di Libera Imperia e i partecipanti al campo Olivia Faccio, Monica Lavazza, Luigi Mingherlino:

·        Imperia - giovedì 15 febbraio, ore 16, Sala Punto d’incontro Coop (ingresso adiacente al supermercato di Oneglia);

·        Ventimiglia - sabato 17 febbraio, ore 16, Biblioteca Civica Aprosiana, Piazza Bassi 1;

·        Sanremo - venerdì 23 febbraio, ore 16, sala Punto d’incontro Coop del supermercato di Corso Matuzia (1° piano).

La partecipazione di dipendenti e Soci Coop al campo di impegno e formazione di Libera è maturata nell’ambito della relazione che da sempre lega la Cooperativa all’associazione fondata da Don Luigi Ciotti, della quale condivide i valori di democrazia e legalità.

Una collaborazione che si traduce nell’organizzazione congiunta di iniziative didattiche e di sensibilizzazione, ma anche in una partnership commerciale: Coop, infatti, sostiene da sempre le cooperative che coltivano i terreni confiscati, delle quali vende e valorizza i prodotti, commercializzati con il marchio Libera Terra.

Il gruppo che ha partecipato al viaggio in Sicilia, nell’ottobre del 2017, costituiva un piccolo spaccato della realtà cooperativa: 8 dipendenti e 4 Soci, tra i 19 e i 64 anni. 

Il tuffo nella realtà siciliana – riportano i partecipanti – è stato intenso, tra attività agricole svolte nei campi, per sostenere la cooperativa ospite, visite a luoghi simbolo della lotta alle mafie e incontri con i familiari di alcune vittime innocenti, che con forza mantengono viva la memoria dei loro congiunti. I ‘campisti’ hanno visitato il Centro internazionale di documentazione sulla mafia e il movimento antimafia di Corleone, il memoriale di Portella della Ginestra, gli oliveti della Cooperativa Rita Atria-Libera Terra di Castelvetrano e la Cantina Centopassi, che produce vini sempre più apprezzati per la loro qualità.

Tutti gli incontri, a ingresso libero, si concluderanno con la degustazione di prodotti Libera Terra, provenienti dalle terre confiscate alle mafie.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium