/ FESTIVAL DI SANREMO

FESTIVAL DI SANREMO | 10 febbraio 2018, 14:22

MAURIZIO SCANDURRA: “Ma che due palle, Sanremo 2018”

Il commento del giornalista e critico musicale storico di Sanremonews.it

MAURIZIO SCANDURRA: “Ma che due palle, Sanremo 2018”

Il parere di Maurizio Scandurra, giornalista e critico musicale storico di Sanremonews.it: “Sanremo è lo specchio dell’Italia che fa acqua da ogni parte: Ultimo è uno strillone di quartiere che vende i giornali agli angoli delle vie, per quanto urla quando ‘canta’. Mirkoeilcane è la pessima copia non riuscita di Giorgio Faletti, fa quasi compassione. Mudimbi è una perfetta maschera di carnevale, e niente più. Noemi non si può sentire: quando canta, il suono della sua voce è identico a quello di una sega elettrica in azione in una falegnameria. Arisa, per quanto bravissima, a livello d’immagine sembra una disperata, convinceva di più con il look precedente: Giovanni Caccamo? Meglio tacere. Gianna Nannini e Piero Pelù fanno musica da centri sociali. La manifestazione scade nella noia, nella scontatezza, del niente. Big e Giovani in gara sono un tripudio di tatuaggi e grezzume degno dei peggiori detenuti da galera ergastolani”.

Roberta Scalise

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium