/ Politica

Politica | 24 gennaio 2018, 12:21

Ventimiglia Alta: scuole, l’Amministrazione incontra una delegazione di genitori. Campagna “Gli alunni saranno spostati in altre sedi, ma è una soluzione temporanea”

La decisione che è stata comunicata riguarda lo spostamento dei circa 170 alunni, in altre sedi scolastiche cittadine così da poter consentire all’Amministrazione di intervenire per risolvere le problematiche che riguardano l’edificio.

Ventimiglia Alta: scuole, l’Amministrazione incontra una delegazione di genitori. Campagna “Gli alunni saranno spostati in altre sedi, ma è una soluzione temporanea”

Si è svolto questa mattina nella Sala consiliare del Comune di Ventimiglia un incontro fra il Sindaco Enrico Ioculano, gli Assessori Vera Nesci e Gabriele Campagna, la dirigente del II Circolo didattica Antonella Costanza e una delegazione di genitori delle scuole di Ventimiglia Alta. 

La decisione che è stata comunicata riguarda lo spostamento dei circa 170 alunni, in altre sedi scolastiche cittadine così da poter consentire all’Amministrazione di intervenire per risolvere le problematiche che riguardano l’edificio. 

Gli alunni delle scuole medie saranno spostati a Roverino, mentre quelli della scuola primaria in quelle di via Vittorio Veneto. Se nel primo caso questo potrebbe avvenire con tempi molto brevi, nel secondo si dovrà aspettare il completamento di alcune opere di manutenzione che riguardano l’edificio. “In questo caso - spiega l’Assessore Gabriele Campagna - occorre anche considerare che si tratta di lavori svolti dalla pubblica amministrazione, con tutte le tempistiche che la riguardano, inoltre sarà necessario anche un parere della Sovrintendenza, essendo l’edificio vincolato.” 

Quel che si sta cercando di mettere a punto è, non solo l’effettivo spostamento degli alunni da una scuola all’altra, quanto la possibilità di garantire agli alunni tutti i servizi, ovvero mensa e scuolabus. “Da parte nostra - spiega l’Assessore Vera Nesci - c’è la massima disponibilità nel far questo.” 

Messi in sicurezza gli alunni, però, si dovranno prendere in considerazione le modalità di intervento sull’edificio scolastico del centro storico, decisione che spetterà a tutte le parti coinvolte. Posto che da parte dell’Amministrazione non vi è alcuna intenzione di togliere al centro storico un servizio come quello scolastico: “Sappiamo bene quanto questo sia importante - chiosa l’Assessore Campagna, si dovrà necessariamente ragionare sulle azioni da intraprendere. 

“Si possono percorrere due vie - continua Campagna - la riqualificazione dell’attuale edificio, spendendo presumibilmente una cifra superiore e avendo comunque una struttura vetusta; oppure si può intraprendere la via che porta alla costruzione di una nuova scuola, magari investendo anche una somma minore, che però garantirebbe un edificio completamente a norma. Ovviamente questo sarebbe realizzato nell’area del centro storico, non in altre parti della città. Deve essere chiaro che quella prospettata ora è una situazione temporanea e non definitiva. Il nostro intento è quello di porre rimedio a quanto si è verificato il 21 dicembre 2017, da parte nostra non c’è la volontà di togliere la scuola dal centro storico.” 

Simona Della Croce

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium