/ Cronaca

Cronaca | 19 gennaio 2018, 12:43

Imperia: confermato in tribunale l'accordo tra Amat e Rivieracqua, la firma definitiva il 2 febbraio

In pratica l’Amat ritirerà l’istanza di fallimento e l’accordo ricalca quello prospettato nelle settimane scorse, ovvero una proposta transattiva da 140mila euro subito e 50mila euro al mese.

Imperia: confermato in tribunale l'accordo tra Amat e Rivieracqua, la firma definitiva il 2 febbraio

Come anticipato dal nostro giornale questa mattina (cliccando QUI), l’accordo tra Amat e Rivieracqua è stato trovato. Ufficialmente verrà ratificato il 2 febbraio prossimo, ma questa mattina all’uscita della prevista udienza in tribunale è stato confermato il raggiungimento dell’ok da entrambe le parti.

In pratica l’Amat ritirerà l’istanza di fallimento e l’accordo ricalca quello prospettato nelle settimane scorse, ovvero una proposta transattiva da 140mila euro subito e 50mila euro al mese. Inzialmente Amat aveva respinto la proposta, ma le due società nelle ultime settimane hanno raggiunto l’accordo che scongiurerebbe il fallimento di Rivieracqua, ma anche il rischio per la stessa Amat di non ricevere mai il denaro che le spetta per la fornitura del dianese.

Il fallimento, lo ricordiamo, è stato chiesto per un debito di 1,5 milioni di euro per la fornitura idrica del dianese. Al termine dell’udienza è arrivato il ‘no comment’ del presidente Amat, Barbara Pirero e la conferma del raggiungimento dell’accordo, dal componente del Cda di Rivieracqua, Sara Rodi, e dagli avvocati dell’azienda.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium