/ POLITICA

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | giovedì 18 gennaio 2018, 18:00

Sostegno alla famiglia: Regione, ok della Seconda Commissione alla proposta di legge di Costa

La Commissione Salute Sicurezza sociale ha scelto la Pdl che ha come primo firmatario Andrea Costa (gruppo misto – Liguria Popolare-Noi con l’Italia) come testo base per elaborare un provvedimento a tutela delle famiglie liguri.

Sostegno alla famiglia: Regione, ok della Seconda Commissione alla proposta di legge di Costa

Oggi pomeriggio la 2a Commissione Salute Sicurezza sociale ha  indicato nella proposta di legge  “Politiche regionali di promozione, valorizzazione e sostegno della famiglia”, che ha come primo firmatario Andrea Costa (Gruppo Misto-Liguria Popolare-Noi con L’Italia) ed è sottoscritta anche da Matteo Rosso (Fdi), il testo base da elaborare ulteriormente per adottare in Liguria un provvedimento a sostegno delle famiglie. La scelta è stata assunta con i voti della maggioranza. Non sono state accolte le altre due proposte avanzate rispettivamente dal Pd e dal Movimento 5 Stelle.

Soddisfazione per la scelta della Commissione, avvenuta dopo una serie di audizioni e il previsto iter, è stata espressa da Costa il quale sottolinea l’importanza di tutelare la famiglia, soprattutto in questo momento di grave crisi economica e di disagio sociale. Il consigliere ribadisce che la famiglia resta una assoluta priorità. La proposta di legge vuole facilitare la formazione di nuove famiglie, rimuovere gli ostacoli economici alla loro creazione e sostenere quelle già esistenti, molte delle quali oggi, a causa della durissima crisi economica, sempre più spesso devono affrontare disagi e precarietà. Sono contemplate, naturalmente, anche le famiglie monogenitoriali. 

Il provvedimento intende, inoltre, mettere in atto una serie di misure tese a favorire la permanenza di persone non autosufficienti presso il proprio  nucleo familiare. Lo strumento fondamentale attraverso il quale  si attuano le azioni regionali di sostegno è il “fattore famiglia” che considera il reddito  complessivo, il numero dei componenti il nucleo familiare e diversi altri fattori, tra i quali la presenza  di soggetti portatori di handicap e anziani non autosufficienti.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore