/ EVENTI

Spazio Annunci della tua città

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

Parrot Bebop 2 con skycontroller, visore, 16 eliche di ricambio, un telaio nuovo due batterie di cui una maggiorata...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Che tempo fa

Cerca nel web

EVENTI | giovedì 18 gennaio 2018, 11:51

Festival di Sanremo 2018: volano gli stracci via social tra Ermal Meta e Morgan

Ospite di Red Ronnie, Morgan ha commentato con parole 'forti' l'esclusione della sua canzone dalla 68^ edizione della kermesse

Morgan sa sempre come far parlare di sé, specie quando perde i freni inibitori nel commentare una sua esclusione dal Festival di Sanremo.
Il direttore Claudio Baglioni non ha scelto la sua canzone per la 68^ edizione della kermesse e il cantautore milanese non l'ha presa bene.

La bravura va premiata, quando vedi una giuria che premia la merda non va bene. Questo è quello che ho detto a Baglioni: ha scartato la mia canzone ma non ha preso Tenco o Endrigo, ha preso Facchinetti, Alessandra, Annalisa, chi è? La mia canzone magari non era all’altezza, ma c’erano forse Endrigo o Gino Paoli? Chi c’era? Facchinetti! Fabrizio Moro! Cioè il Sanremo di Baglioni lo vince Fabrizio Moro, che poi sta con Ermal Merdal. Cioè Meta, come Metadone” sono state le parole di Morgan.

E non si è fatta attendere la risposta di Ermal Meta: “Caro Morgan, spero tu sia orgoglioso dell’uomo che sei. Io di me lo sono anche se tu mi definisci Merdal o Metadone. Io però non capisco perché non sono esperto di nessuna delle due cose”. E poi: “Che triste Marco. Il primo viaggio che ho fatto appena ho preso la patente era per venire ad un tuo concerto. Che amarezza. Basta con queste cazzate, non sperperare il tuo immenso patrimonio musicale. Pubblica un disco e lasciaci tutti senza parole. Io almeno ti aspetto ancora”.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore