/ CRONACA

Spazio Annunci della tua città

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Causa limiti circolazione centro città Milano per inquinamento, euro 3 fap, vendo perfetta C5 2.2, automatica, pelle,...

Scooter elettrico a 4 ruote Monrach Royale, per disabili e anziani. Possibile avere anche con copertura per la pioggia ...

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | mercoledì 17 gennaio 2018, 19:55

Roma: chiesto il rinvio a giudizio per gli ex vertici di Banca Carige, c'è anche l'imperiese Alessandro Scajola

Gli indagati, secondo l’accusa, avrebbero in concorso tra loro, messo su un sistema per nascondere agli organi di controllo la reale condizione finanziaria della Cassa di risparmio di Genova.

I pm della Procura di Roma hanno chiesto il rinvio a giudizio per gli ex vertici di Banca Carige. Nei confronti di dieci persone, i magistrati contestano, a vario titolo, le accuse di ostacolo all'autorità di vigilanza di Bankitalia e Consob e aggiotaggio.

Come scrive l’agenzia Ansa, a rischiare il processo tra gli altri l'ex presidente dell'istituto di credito, Giovanni Berneschi, l'ex direttore generale, Ennio La Monica e l'ex vicepresidente del Cda, l’imperiese Alessandro Scajola (ex parlamentare e fratello del ministro Claudio) e il consigliere Luca Bonsignore (figlio di Vito e eurodeputato del Pdl).

Gli indagati, secondo l’accusa, avrebbero in concorso tra loro, messo su un sistema per nascondere agli organi di controllo la reale condizione finanziaria della Cassa di risparmio di Genova.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore