/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | martedì 16 gennaio 2018, 07:21

La pubblicità 'sgrammaticata' dei commercianti di Nizza in provincia: 'i saldi' diventano 'le saldi'

Ma l'offensiva sembra comunque partita, per accaparrarsi clienti italiani a Nizza, le associazioni di commercianti hanno attuato una massiccia campagna di manifesti.

La pubblicità 'sgrammaticata' dei commercianti di Nizza in provincia: 'i saldi' diventano 'le saldi'

E’ guerra aperta tra i commercianti della Costa Azzurra e quelli della nostra provincia, a suon di pubblicità dei ‘Saldi’, le grandi svendite di fine stagione. Le organizzazioni dei negozi sulla ‘Còte’ hanno infatti risposto alla pressione mediatica delle nostre (che hanno proposto una serie di pubblicità sui media transalpini), con alcuni manifesti, apparsi nelle città della riviera ligure.

Ma, probabilmente, si sono rivolti a chi l’italiano lo conosce poco, perché ‘i saldi’ sono diventati ‘le saldi’. Ed invece di ‘li compro a Nizza’ è stato scritto ‘le compro a Nizza’. Un refuso grammaticale, probabilmente dettato dalla composizione del manifesto fatta in Francia. Ma il messaggio è comunque chiaro: “Ci siamo anche noi e ci proponiamo anche al mercato italiano”. Fino ad oggi, forti anche di prezzi concorrenziali, i commercianti italiani hanno sempre fatto affari d’oro con i clienti provenienti da oltre confine e, in particolare ai mercati di Ventimiglia e Sanremo si sente parlare forse più francese che italiano.

Ora c’è la controffensiva, anche se in molti tra i nostri connazionali sembrano un pochino più restii a recarsi in Francia per fare acquisti. Tanto più che oggi non c’è nemmeno l’attrazione del ‘pieno’ di benzina o gasolio, visto che i prezzi del carburante si sono ormai equiparati a quelli del nostro paese. Sui o sulle ‘Saldi’, ne siamo certi, ne vedremo ancora delle belle… o dei belli?

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore