/ ATTUALITÀ

Spazio Annunci della tua città

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

Parrot Bebop 2 con skycontroller, visore, 16 eliche di ricambio, un telaio nuovo due batterie di cui una maggiorata...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | martedì 16 gennaio 2018, 07:25

In libreria il libro sulla prima edizione del Festival di Sanremo scritto dallo storico matuziano Andrea Gandolfo

L'opera è intitolata ‘La nascita del Festival di Sanremo’, consta di 70 pagine ed è pubblicata dalla casa editrice Mellophonium Broadsides.

E’ uscito l’ultimo lavoro storiografico, dedicato alle vicende del Festival di Sanremo, del matuziano Andrea Gandolfo. Sarà in libreria proprio in occasione del 68° Festival e verrà presentato l'8 febbraio alle 15, presso la Federazione Operaia di Sanremo.

L'opera è intitolata ‘La nascita del Festival di Sanremo’, consta di 70 pagine ed è pubblicata dalla casa editrice Mellophonium Broadsides. Si avvale della prestigiosa prefazione del noto musicologo matuziano Freddy Colt. Il testo ricostruisce, con dovizia di particolari, anche basandosi su testi rari o poco noti, la storia della prima edizione del Festival di Sanremo, dal 29 al 31 gennaio 1951, ma c'è spazio anche per i precedenti della rassegna canora matuziana, dal ‘Festival partenopeo di canti, tradizioni e costumi’, svoltosi al Casinò di Sanremo dal 24 dicembre 1931 al 1° gennaio 1932, al ‘Concorso nazionale della canzone italiana’, tenutosi presso la Capannina di Viareggio nel 1949 e nel 1950.

Naturalmente il libro parla ampiamente anche dei maggiori protagonisti di quella storica prima edizione: da Nilla Pizzi a Nunzio Filogamo, da Pier Busseti al Duo Fasano, dal maestro Cinico Angelini ad Achille Togliani. Il tutto narrato con una scrittura scorrevole e accattivante, che non annoia il lettore. Non manca, infine, neanche un ricco apparato iconografico e bibliografico. 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore