/ POLITICA

Spazio Annunci della tua città

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Causa limiti circolazione centro città Milano per inquinamento, euro 3 fap, vendo perfetta C5 2.2, automatica, pelle,...

Per disabili e anziani. lo scooter ha 6 mesi con batterie nuove visibile a firenze

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | domenica 14 gennaio 2018, 10:44

Ventimiglia: interrogazione sul bilancio, la contro replica del Consigliere Malivindi al sindaco Ioculano

"Passare da meno di 9 milioni a più di 13 milioni nel giro di un anno non mi sembra un errore di forma"

Silvia Malivindi

"La risposta del Sindaco sulla nostra interrogazione sul bilancio mi lascia stupefatta. Dice che non sa come 'siamo diventati così esperti': cosa mi tocca leggere! È vero semmai il  contrario: come ha fatto il Sindaco a non accorgersi delle cose che stiamo dicendo?". A replicare a Ioculano è il Consigliere Comunale M5S Silvia Malivindi che spiega: "Seguo attentamente il caso Civitas da anni, ho fatto diversi esposti sulla vicenda, raccolte firme, etc, il Sindaco credeva forse che non avrei notato una differenza così colossale nella valutazione di questa partecipata? Passare da meno di 9 milioni a più di 13 milioni nel giro di un anno non mi sembra un errore di forma, vorrei una spiegazione precisa, così come la chiedo sul criterio di valutazione delle quote di partecipazione che il Comune detiene, sul cosiddetto costo di acquisto: come si arriva a 13 milioni?

In ogni caso, avendo un diploma in ragioneria ed essendo un avvocato che si occupa spesso di cause tributarie, non sono completamente 'a digiuno' in materia di bilanci.

Per concludere, se invece di snobbarci il Sindaco ci avesse ascoltato dall’inizio, forse avrebbe potuto evitare ciò che è accaduto in questi anni con la liquidazione di Civitas. O forse, come ha detto all’ultimo Consiglio Comunale, lui queste responsabilità non se le vuole prendere?

Anziché minimizzare la nostra interrogazione - conclude Malivindi -, il Sindaco potrebbe controllare al più presto i conti con l’Ufficio della ripartizione finanziaria o con quello che ne resta, visto che il Dirigente è andato in pensione poco prima dell’approvazione del bilancio consolidato...".

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore