/ EVENTI

Spazio Annunci della tua città

Libera su 3 lati: camera, sala, bagno, cucina con uscita in giardino. Terreno 13.000 mt bosco castagni e frutteto....

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

Parrot Bebop 2 con skycontroller, visore, 16 eliche di ricambio, un telaio nuovo due batterie di cui una maggiorata...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Che tempo fa

Cerca nel web

EVENTI | venerdì 12 gennaio 2018, 13:24

La poetessa imperiese Sara Rodolao ospite alla Biblioteca Civica di Albenga

Il prof Roberto Trovato, docente Dams all'Università di Genova. presenterà l'ultimo romanzo della scrittrice ‘Il Tarlo di Orlando’

Sara Rodolao

Venerdì 19 gennaio 2018 alle ore 17.00, presso la Biblioteca Civica di Albenga, col patrocinio del Comune e dall'Associazione Culturale Librarsi, il prof Roberto Trovato, docente Dams all'Università di Genova presenterà ‘Il Tarlo di Orlando’ sesto e ultimo romanzo della poetessa e scrittrice imperiese Sara Rodolao.

"Nella Calabria del secondo dopoguerra, don Orlando - proprietario terriero per eredità e non per vocazione e uomo dalle mille contraddizioni, succube solo della propria immaginazione e dei suoi tormenti - vive in compagnia della domestica, Rosaria, in un'enorme casa vuota in cui riecheggiano i passi di chi vi ha camminato prima di lui: la madre con la sua malinconia e il padre con la sua crudeltà. Don Orlando, oltre alla ricca fortuna e alla sconfinata proprietà, ha però ereditato anche una malattia dai propri genitori: l'ossessione. Il suo male si indirizza così verso la giovinezza di Giulia Bianchino, splendida e ribelle ragazza che lavora nei campi e a cui il padre di don Orlando ha rovinato irrimediabilmente la vita. Giulia Bianchino non accetta le imposizioni della società di cui è prigioniera, vuole la libertà, il diritto di scegliere e di amare. È il pensiero di Giulia il tarlo di Orlando, un tarlo che rosicchia la sua mente e lentamente distrugge il suo corpo, una tortura che logora il suo spirito e la sua carne e lo trasforma continuamente da demonio in angelo custode, da uomo concreto in fantasma di se stesso" (dalla prefazione del prof Pasquale De Luca- docente al liceo Galluppi di Tropea)

Letture dell'attrice Amelia Conte. Entrata libera.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore