/ POLITICA

Spazio Annunci della tua città

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Causa limiti circolazione centro città Milano per inquinamento, euro 3 fap, vendo perfetta C5 2.2, automatica, pelle,...

Per disabili e anziani. lo scooter ha 6 mesi con batterie nuove visibile a firenze

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | mercoledì 03 gennaio 2018, 17:33

Ventimiglia: ‘Balcone Alta Via, Madonna Virtù e San Secondo’, prende forma il progetto per la realizzazione di un sentiero ad anello finanziato con il Bilancio Partecipativo

Il progetto finanziato con il Bilancio Partecipativo prevede il recupero di tratti di percorsi storici ad alto valore panoramico attualmente in cattivo stato manutentivo o che, comunque, presentano situazioni di pericolosità per un loro utilizzo turistico-ambientale anche da persone con minime capacità escursionistiche.

E’ stato approvato l’accordo operativo fra il Comune di Ventimiglia e il CAI sezione di Bordighera per l’attuazione del progetto del Bilancio Partecipativo presentato dal Comitato di San Secondo nell’area tematica del Turismo e denominato “Balcone Alta via: Madonna Virtù - San Secondo.” Con la deliberazione l’Amministrazione comunale ha stanziato per il progetto la cifra di 10 mila euro. 

Su richiesta del comitato di quartiere San Secondo è stato richiesto al CAI di Bordighera di concepire e realizzare un tracciato che, partendo dal Santuario di San Secondo, raggiunga quello della Madonna della Virtù e, con un percorso ad anello, ritorni al punto di partenza. L’idea è quella di realizzare un tracciato che sia adeguato ad un utilizzo turistico e che richieda, quindi solo minime capacità escursionistiche. La soluzione che è stata proposta presenta una lunghezza di 6 km, adeguata ad un escursionismo familiare e con un tempo di percorrenza di circa 2 ore e 30 minuti, adatta ad una già di mezza giornata. Il percorso utilizza sentieri e antiche mulattiere,, consentendone un parziale recupero e riduce, per quanto possibile, i tratti su strada, tenendo conto che l’anello si trova in un territorio fortemente antropizzato e spesso con elementi di degrado. 

Il tratto nel Vallone, l’attraversamento del bordo dei Martinazzi e i vecchi coltivi abbandonati, gli scorci su Ventimiglia vecchia e i panorami sulla val Roja e Bevera, con i monti circostanti ovvero Grammondo, Longoira, Ceppo, Bignone e Caggio, consentono a pieno la valorizzazione dell’intera zona. 

Il progetto finanziato con il Bilancio Partecipativo prevede il recupero di tratti di percorsi storici ad alto valore panoramico attualmente in cattivo stato manutentivo o che, comunque, presentano situazioni di pericolosità per un loro utilizzo turistico-ambientale anche da persone con minime capacità escursionistiche, percorsi che potrebbero essere inseriti nella rete dei percorsi escursionistici della Liguria. 

Simona Della Croce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore