/ CRONACA

Spazio Annunci della tua città

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | mercoledì 03 gennaio 2018, 17:30

Imperia: dopo le festività natalizie l'analisi di Americo Pilati (Federalberghi): "Bisogna tornare inesorabilmente verso un turismo stagionale"

" Dalle informazioni che ricevo, in altri Paesi, come la Spagna, il turismo c’è tutto l’anno, ma questo perché altri riescono a offrire quello che non riusciamo a fare noi, perché purtroppo qui non si va oltre al clima, mentre altrove c’è un movimento legato alla vita notturna, a un turismo più rivolto ai giovani"

In Liguria si tornerà inesorabilmente a un turismo stagionale. La pensa così il presidente di Federalberghi Americo Pilati analizzando i dati su arrivi e presenze durante il periodo delle festività natalizie.

Le aspettative erano certamente migliori, ma purtroppo all’ultimo le prenotazioni non hanno soddisfatto le aspettative”, spiega Pilati a Sanremo News.

Passate le festività natalizie, per gli albergatori liguri si prospetta un periodo di “magra”, in attesa dei nuovi arrivi dalla primavera in poi.

Il guadagno delle feste servirà a stento a coprire le spese da qui alla primavera e qualcuno andrà in perdita, per cui capirò i colleghi che decideranno di tenere chiuso l’albergo durante l’inverno. Dalle informazioni che ricevo, in altri Paesi, come la Spagna, il turismo c’è tutto l’anno, ma questo perché altri riescono a offrire quello che non riusciamo a fare noi, perché purtroppo qui non si va oltre al clima, mentre altrove c’è un movimento legato alla vita notturna, a un turismo più rivolto ai giovani. E non aiutano neppure i voli low cost o le crociere con offerte a 400-500 euro per una settimana. Sono prezzi troppo bassi con cui non riusciamo a competere, per cui, credo che dopo vent’anni l’esperimento del turismo annuale stia fallendo e si tornerà per forza a quello stagionale”.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore