/ GOURMET

Spazio Annunci della tua città

Libera su 3 lati: camera, sala, bagno, cucina con uscita in giardino. Terreno 13.000 mt bosco castagni e frutteto....

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

Parrot Bebop 2 con skycontroller, visore, 16 eliche di ricambio, un telaio nuovo due batterie di cui una maggiorata...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Che tempo fa

Cerca nel web

GOURMET | domenica 31 dicembre 2017, 00:00

Gli Istituti Alberghieri liguri lanciano l'aperitivo con le erbe aromatiche

Acque ai profumi di Liguria per l'Anno del Cibo Italiano nel Mondo

Dopo il 2016, Anno Nazionale dei Cammini e il 2017 dedicato ai Borghi, il 2018 sarà l'Anno del Cibo italiano nel Mondo. L’impegno del Ministeri dei Beni Culturali, dell’Agricoltura e di tutte le Istituzioni locali e regionali si concentrerà sulla promozione del turismo agroalimentare e sulla conoscenza delle produzioni agricole locali. L’obiettivo dell’Anno del Cibo Italiano nel Mondo sarà quello di valorizzare e mettere a sistema le straordinarie produzioni agricole del “Bel Paese” abbinate al patrimonio storico-artistico. In questo ambito la Confagricoltura Liguria con alcune  aziende associate ha lanciato il progetto “Acque ai profumi di Liguria”, un approccio salutistico al “rito” sociale dell’aperitivo che ha trovato nel mondo della scuola, in particolare gli Istituti Alberghieri della regione un partner interessante. Le erbe aromatiche della Liguria saranno quindi la base per la preparazione di aperitivi e le prime degustazioni sono state proposte presso il Museo Luzzati di Genova, da dove è partita la campagna di comunicazione finalizzata a promuovere le aromatiche ”made in Liguria”. Il progetto, coordinato dai docenti Giovanni Falcone, Gianluigi Cupito, Monica Barbera, Nello Simoncini e Franco Laureri è stato promosso dal Centro Studi Sul Turismo F.M. Giancardi di Alassio e realizzato in collaborazione con il Museo Luzzati, Confagricoltura Liguria,  la rete degli alberghieri della Liguria, gli animatori turistici del progetto Blue Economy finanziato dal fondo sociale europeo del Centro di Formazione E.L.F.o Liguria e gli alunni dell’Istituto Alberghiero N. Bergese di Sestri Ponente.

 

Claudio Porchia

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore