/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | martedì 21 novembre 2017, 07:14

Taggia: ancora problemi con la differenziata, servono più controlli. Il Comune sigla una convenzione con i Rangers d'Italia

I Rangers d'Italia lavoreranno insieme alla Polizia Locale per risalire a chi conferisce in modo errato i rifiuti o contro chi genera discariche abusive.

Il sindaco Mario Conio

Il sindaco Mario Conio

Il Comune di Taggia si prepara ad agire con pugno duro contro chi viola i principi della raccolta differenziata e chi sporca le strade del comune. La prima azione significativa sarà un aumento dei controlli, grazie ad una convenzione siglata con i Rangers d’Italia.

Da tempo, il sindaco Mario Conio, di concerto con l’ufficio ambiente e Dock’s Lanterna, sta delineando la nuova strategia da applicare sul comune. Dal giorno dell’elezione a giugno sono stati molti i sopralluoghi fatti all’alba dal primo cittadino insieme ai rappresentanti della ditta ed alla Polizia Locale, con l’intento di identificare le principali criticità legate all’igiene ambientale.

Ad oggi, con un solo agente impiegato nel controllo della differenziata, era impossibile sanzionare i trasgressori o verificare tutti i sacchetti o rifiuti abbandonati. I Rangers si interfacceranno direttamente con la Polizia Locale per stabilire i turni e le aree di pattugliamento del territorio. Questi volontari non potranno emettere sanzioni ma potranno controllare i sacchetti di spazzatura a caccia di eventuali indizi per risalire ai responsabili in caso di errato conferimento. Le loro segnalazioni verranno inoltrate agli agenti che procederanno a multare la persona. In questo modo verrà garantito un controllo più capillare su tutto il territorio comunale. 

I Rangers inizieranno ad operare dai primi giorni di dicembre. Si tratta di una delle diverse strategie al vaglio del Comune e della Dock's per migliorare la gestione della differenziata attualmente in calo sia sotto il profilo quantitativo ma anche qualitativo. E' in via di definizione la nuova campagna informativa-formativa. Sono al vaglio degli uffici alcuni iter ed iniziative per ricordare ai cittadini più sbadati o pigri, come debbano essere separate le differenti frazioni di spazzatura. A breve potrebbero esser riproposti gli incontri con la popolazione che questa volta sarà coinvolta direttamente, attraverso l’apertura dei sacchetti dell’immondizia, per identificare gli errori comuni quando si conferiscono i rifiuti.

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore