/ EVENTI

Spazio Annunci della tua città

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. saranno disponibili a partire dal 70° giorno (intorno al 20...

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Che tempo fa

Cerca nel web

EVENTI | lunedì 20 novembre 2017, 12:18

Imperia: nel prossimo fine settimana allo 'Spazio vuoto' va in scena l'Umana Commedia

Gli attori de Lo Spazio Vuoto riprendono e rielaborano uno spettacolo imperniato sul tema della beffa e della burla, che è stato un cavallo di battaglia della compagnia e che è basato su alcune tra le più famose Novelle tratte dal Decameron di G. Boccaccio.

Venerdì e sabato alle 21.15 e domenica alle 17.30 allo ‘Spazio Vuoto’ di Imperia, appuntamento con l’Umana Commedia di Giovanni Boccaccio.

Appuntamento con Livia Carli, Luca D’Addino, Gianni Oliveri, Francesco Peressin, Vincenzo Russo, Federica Siri e Samantha Sottile; costumi e scenografie: Giovanna Faraone e Carlo Senesi.

Gli attori de Lo Spazio Vuoto riprendono e rielaborano uno spettacolo imperniato sul tema della beffa e della burla, che è stato un cavallo di battaglia della compagnia e che è basato su alcune tra le più famose Novelle tratte dal Decameron di G. Boccaccio. Questo debutto vede l’allestimento di una nuova Novella accanto a quelle già rappresentate per un nuovo cast ed una più articolata regia. Ecco tre storie di Calandrino a cui si uniscono la Novella di Ferondo sul tema della gelosia e del tradimento e la Novella di Alibech ovvero su come una giovane illibata possa apprendere da un vecchio eremita a “rimetter il diavolo in Inferno”. L’umana commedia del Boccaccio illustra una galleria di personaggi, situazioni,intrecci nella loro realtà viva e concreta, mettendo in rilievo l’arguzia, il desiderio di vivere la vita con leggerezza, nonostante la morte e la sofferenza di una Firenze trecentesca devastata dalla peste. Nella società attuale così finta e patinata, arrogante e autoreferenziale questa grande capacità di ridere e ridersi addosso con grande intelligenza e a tratti con onesta crudeltà assume una portata rivoluzionaria e liberatoria.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore