/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | giovedì 16 novembre 2017, 11:31

Sanremo: è stato sfrattato ‘Romeo’, il gatto mascotte del Pronto Soccorso ora vive a casa di un’infermiera

Per anni ha tenuto compagnia ai pazienti in attesa, in molti ora protestano per il suo allontanamento. Ma la scelta è stata obbligata per le molte persone che hanno presentato esposti perchè non lo volevano al Pronto Soccorso.

Il gatto 'Romeo' all'ospedale di Sanremo

Il gatto 'Romeo' all'ospedale di Sanremo

Negli anni la sua presenza ha scatenato le reazioni più diverse. C’era chi lo considerava un buon amico nelle lunghe attese al Pronto Soccorso, e c’era chi, invece, pensava che la presenza di un gatto in ospedale non fosse il massimo dell’igiene. Il gatto ‘Romeo’ era ormai famoso tra i frequentatori del Pronto Soccorso del “Borea” di Sanremo ma, da ieri, l’ospedale non è più la sua casa.

Dopo anni di adozione è stato deciso di allontanarlo, uno sfratto che ha scatenato la rabbia di chi negli anni lo ha sempre visto lì. “Romeo faceva pet terapy, bisogna riportarlo a casa” scrivono su Facebook gli amici del gatto ormai famoso al “Borea”. Tanti i commenti che fanno riferimento anche ai personaggi poco raccomandabili che di notte frequentano il Pronto Soccorso mentre, scrivono sempre i sostenitori di ‘Romeo’ “lui non dava fastidio a nessuno, era pulito e teneva compagnia”.

Nel destino di ‘Romeo’ c’era il gattile, destinazione dei mici che non hanno una casa. Ma, per fortuna, un’infermiera del “Borea” ha deciso di adottarlo per dargli una seconda vita e una seconda casa dove abitare. Ma il sogno di molti è rivederlo al Pronto Soccorso a tenere compagnia ai pazienti in attesa. C'è anche chi evidenzia come 'Romeo', nonostante le cure amorevoli dell'infermiera che lo ha adottato, sia spaesato nella nuova casa.

Ci vorrà un po' di adattamento, sicuramente, ma 'Romeo' ormai era parte del Pronto Soccorso del 'Borea' ed ora dovrà abituarsi alla sua nuova casa. Sicuramente molto meglio che finire in gabbia, in un gattile.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore