/ POLITICA

Spazio Annunci della tua città

Porto Maurizio Borgo Marina Imperia Fronte Mare bellissimo trilocale completamente ristrutturato e arredato, con aria...

Condizioni perfette diesel intergrale colore grigio scuro

J300 S.E. ABS immatricolato 09/2016 versione Limited Edition colori Kawasaki verde/nero km. 12.807 tutti effettuati...

Porto Maurizio Borgo Marina Fronte Mare bellissimo trilocale completamente ristrutturato e arredato, con aria...

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | martedì 14 novembre 2017, 16:52

Regione: approvato il Piano energetico ambientale regionale 2014-2020, i commenti dell'Assessore Rixi e del Consigliere Piana

Inoltre, il Consiglio regionale ha approvato l’emendamento presentato dal capogruppo del Carroccio, Alessandro Piana, sul rispetto delle vigenti norme che riguardano le distanze dalle abitazioni e dai centri abitati degli impianti eolici.

L’Assemblea Legislativa della Liguria oggi pomeriggio ha approvato, con 16 voti a favore e 14 astenuti, il Piano energetico ambientale regionale 2014-2020 presentato dall’Assessore allo Sviluppo economico Edoardo Rixi. Inoltre, il Consiglio regionale ha approvato l’emendamento presentato dal capogruppo del Carroccio, Alessandro Piana, sul rispetto delle vigenti norme che riguardano le distanze dalle abitazioni e dai centri abitati degli impianti eolici.

“Il Piano energetico – spiega Piana – è un ottimo punto di partenza con grandi prospettive che terranno conto sia dello sviluppo economico del territorio, sia del rispetto per l’ambiente, osservando anche le disposizioni della UE. Oggi abbiamo votato uno dei provvedimenti più attesi da parte di imprese e pubbliche amministrazioni. Un provvedimento richiesto da tempo (ben prima dell'avvento dell'Amministrazione Toti) da tutto il territorio, che non ha trovato un’immediata applicazione per l’alto numero di prescrizioni che impedivano al Piano energetico di essere operativo. In questi ultimi due anni, è stata quindi convocata una serie di tavoli autorevoli dove si sono incontrati ed auditi i soggetti giuridici coinvolti al fine di trovare una maggiore condivisione a livello regionale. Il tutto è stato fatto per attuare quelle necessarie misure volte a migliorare la qualità progettuale ed a velocizzare le procedure di autorizzazione per rendere più efficace l’iter procedurale ed autorizzativo degli impianti”.

“Grazie a un lungo lavoro di revisione e di condivisione con il mondo produttivo e gli enti locali, la Liguria ha finalmente un Piano energetico ambientale regionale, che ha l'obiettivo di incrementare la produzione di energia pulita e la riduzione delle emissioni. Dopo l'approvazione del Piano, possiamo, quindi, procedere anche all'elaborazione di bandi con 80 milioni di fondi europei per l'efficientamento energetico dei Comuni e per le imprese, che fino a oggi erano di fatto bloccati”.

Questo invece il commento dell'assessore regionale allo Sviluppo economico Edoardo Rixi a seguito dell'approvazione, da parte del consiglio regionale, del Pear-Piano energetico ambientale regionale 2014-2020. “Purtroppo questo Piano – prosegue l'assessore Rixi – risente dei gravi ritardi ereditati dalla passata giunta, che non è stata in grado di varare il documento entro il 2014 e neppure di aggiornare i dati di riferimento, fermi al 2011, e che ci impegniamo ad attualizzare. Con un lavoro di un anno e mezzo, in collaborazione con Ire, abbiamo superato diverse prescrizioni nel rispetto dell'ambiente e dello sviluppo economico affinché la Liguria possa crescere in modo sostenibile”. Per quanto riguarda l’elettrificazione delle banchine e altri interventi di efficientamento energetico all'interno dei porti liguri, Rixi ha sottolineato: “Abbiamo approvato ad aprile il progetto su Pra’-Voltri, da 12 milioni di euro: entro dicembre si concluderà la gara per la progettazione ed esecuzione della cabina elettrica da 10 MW. Inoltre – continua Rixi - sul gnl-gas naturale liquefatto, riteniamo sia prioritario per Genova adeguarsi sui sistemi di approvvigionamento soprattutto per quanto riguarda le navi da crociere i traghetti. Purtroppo, a livello nazionale, manca una programmazione sul regime attuativo in materia energetica e, sui porti, l’Italia ha un piano strategico su gnl che da tre anni è rimasto ancora lettera morta. Anche per questi aspetti riteniamo prioritario che i nostri porti e le regioni necessitino di una più ampia autonomia amministrativa e finanziaria”.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore