/ CRONACA

CRONACA | martedì 14 novembre 2017, 11:49

Criminalità a Ventimiglia: Iachino "Il Prefetto ha detto che dal Roya non si possono cacciare i migranti, sarebbe deportazione"

"Il Prefetto ci ha detto che le forze dell’ordine fanno il loro lavoro cercando di fermarli quando sono in città. Noi abbiamo chiesto di prendere almeno questi soggetti e rimandarli al loro paese".

Criminalità a Ventimiglia: Iachino "Il Prefetto ha detto che dal Roya non si possono cacciare i migranti, sarebbe deportazione"

E’ iniziato questa mattina alle 10 l’incontro in Prefettura tra il Sindaco di Ventimiglia, una rappresentanza dei Consiglieri comunali di maggioranza ed opposizione e, ovviamente il Prefetto Silvana Tizzano. Sul tavolo il problema dell’immigrazione nella città di confine, il Parco Roya e, soprattutto l’aumento della micro criminalità nella città di confine, dovuto soprattutto all’arrivo di molti magrebini, dediti più a delinquere che al voler superare il confine per raggiungere altri paesi, come invece accade per i rifugiati di altre nazioni africane.

Mentre l’incontro è ancora in corso è uscito il consigliere di opposizione Carlo Iachino, che ha dovuto abbandonare la discussione per ragioni personali ed ha così commentato: “Il problema del Parco Roya rimane e nessuno sa come eliminarlo e quando. Durante la riunione abbiamo chiesto che fossero mandati via quei soggetti che non si comportano bene e che alimentano la criminalità. Il Prefetto ci ha detto che le forze dell’ordine fanno il loro lavoro cercando di fermarli quando sono in città. Noi abbiamo chiesto di prendere almeno questi soggetti e rimandarli al loro paese. Il problema è che molti hanno documenti falsi e si fanno passare per centrafricani e, invece, sono tunisini o marocchini”.

C’è anche il grave problema del degrado sul Roya: “Durante la riunione – ha terminato Iachino – il Sindaco ha ribadito che provvede con la pulizia quando è possibile. Il Prefetto ha detto che non si può mandarli via perché si tratterebbe di una vera e propria ‘deportazione’.”

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore