/ POLITICA

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | 24 ottobre 2017, 16:46

Rimpasto di Giunta a Sanremo: l'Italia dei Valori esce da 'Siel', e bacchetta anche il Sindaco

Maurizio Ferrara ne ha per il gruppo guidato da Daniela Cassini e per il primo cittadino.

Rimpasto di Giunta a Sanremo: l'Italia dei Valori esce da 'Siel', e bacchetta anche il Sindaco

Interviene duramente il segretario provinciale dell’Italia dei Valori, Maurizio Ferrara, sul rimpasto di Giunta a Sanremo.

“In occasione delle ultime elezioni amministrative – dice Ferrara – ci siamo schierati con il Sindaco Biancheri, accogliendo il suo invito a connotare fortemente in senso civico la coalizione che lo sosteneva, rinunciando a presentare il nostro simbolo ed accettando di entrare a far parte con i candidati nella lista denominata ‘Sanremo Insieme Ecologià e Libertà’. Con il rimpasto il Sindaco ha ‘giubilato’ dalla Giunta, sia Daniela Cassini che il vice Sindaco Leandro Faraldi. Perso lo scranno di Assessore ora Siel non ha più alcun rappresentante in Giunta”.

Ferrara sostiene che l’Italia dei Valori sarebbe stata vittima di due gravi scorrettezze: “La prima è stata perpetrata proprio dal gruppo civico Sanremo Insieme che, nella persona di Daniela Cassini, il sindaco invitò a designare un nuovo assessore che ne prendesse il posto. Sanremo Insieme, naturalmente e prevedibilmente, ha omesso di consultarsi con noi, che comunque abbiamo valenza nazionale, contando anche suoi nostri deputati e senatori. Incassata la grave scorrettezza consideriamo per sempre chiusa e non più ripetibile l'esperienza con ‘Siel’. A tal proposito invitiamo ‘Sinistra Italiana’, gli eredi di Sel (ovvero l'altra gamba di Siel) a collaborare con noi se lo vorranno per il bene di Sanremo. Le nostre porte sono aperte al confronto”.

Italia dei Valori ne ha anche per il Sindaco Biancheri: “Ha le sue responsabilità, visto che invece di consultare gli alleati dopo aver escluso la Cassini, per avere il nome del nuovo assessore chiamato a rimpiazzarla si è limitato a richiedere detto nome solamente a quest'ultima, comportandosi come se Siel non fosse una coalizione di movimenti e partiti, ma una lista personale dell'ex assessore al turismo ben sapendo che così non era. prendendo comunque per buone le motivazioni del Sindaco, consideriamo l'operazione rimpasto solamente un'operazione sufficientemente dignitosa ed onesta sotto il profilo amministrativo ma non certo sotto il profilo politico, per mancanza di rispetto sia del mio partito sia nei confronti dei due assessori defenestrati. Continueremo quindi a sostenere la sua sola azione amministrativa ma con riserva”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium