/ POLITICA

Spazio Annunci della tua città

Porto Maurizio Borgo Marina Imperia Fronte Mare bellissimo trilocale completamente ristrutturato e arredato, con aria...

Condizioni perfette diesel intergrale colore grigio scuro

J300 S.E. ABS immatricolato 09/2016 versione Limited Edition colori Kawasaki verde/nero km. 12.807 tutti effettuati...

Porto Maurizio Borgo Marina Fronte Mare bellissimo trilocale completamente ristrutturato e arredato, con aria...

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | lunedì 23 ottobre 2017, 12:01

Vallecrosia: edilizia nel centro storico e ponte 'con le bretelle', l'assessore Paolino risponde a Silvano Croese

“All’ex Sindaco non bisogna certamente rammentare che quando si è ricoperto o si ricoprono incarichi pubblici è doveroso per decidere compiere delle scelte che a volte difficilmente possono portare a commenti positivi o addirittura sfociare in malcontenti. Condivido le puntualizzazioni fatte in maniera concisa e diretta, precisando nei particolari un solo punto".

“Mi dispiace dover rispondere al dott. Silvano Croese in merito a quelle che ritiene puntualizzazioni inerenti a due opere pubbliche: una, il cantiere ombra del centro storico, l’altra il ponte con le bretelle”.

Interviene in questo modo l’Assessore di Vallecrosia, Emidio Paolino, in risposta all’ex primo cittadino Silvano Croese che, sulle pagine del nostro giornale (cliccando QUI) era intervenuto sugli investimenti del Comune, sia in tema di edilizia nel centro storico che sul cosiddetto ‘ponte con le bretelle’. “Delle puntualizzazioni fatte in maniera concisa e diretta – prosegue Paolino - condivido un solo punto precisandolo dei particolari. L’unica opera importante realizzata in passato nel centro storico da altre amministrazioni non è solo il rifacimento della quasi totalità dei tipici carugi, con relativi sottoservizi, ma aggiungo anche i tre parcheggi con relativa area manifestazioni. Non parliamo inoltre degli eventi che altri comuni ci invidiano per il grande flusso di visitatori che si soffermano ad ammirare e fotografare le porte dipinte da un’artista di fama internazionale (definite carine), oltre che le sculture in legno, uniche nel suo genere, che valorizzano un Borgo che era sconosciuto alla maggior parte delle persone per la sua bellezza. Sarebbe però stato corretto ricordare al dotto Silvano Croese, che in quella passata Amministrazione eravamo assieme in Giunta, Lui come assessore ed io come Vicesindaco con delega al Centro Storico, e permettimi, ma penso che tu possa confermare che è stato proprio il sottoscritto a volere quelle opere, a reperire i finanziamenti, ed a realizzarle con la massima condivisione comune”. 

“L’unica ‘vera’ e ‘reale’ puntualizzazione, che smentisce quanto da Lui affermato, si rinviene nelle due Delibere della Giunta Regionale (Burlando) n. 2007 del 30.12.2009 e n. 1320 del 12.11.2010 dalle quali si evince chiaramente che il finanziamento per la risistemazione delle tre piazze del Centro Storico (opera di pregio) per un importo di 220.000 euro non era assolutamente collegato all’insensato progetto per la realizzazione di sette alloggi su un sedime allo stato di rudere! Così è testualmente indicato sulle citate delibere. Forse non sarebbe stato meglio rivalutare i precedenti progetti di recupero di detto sedime, giacenti presso l’Ufficio Tecnico? In merito al ponte con le bretelle, non ci si può arrampicare sugli specchi per difendere l’indifendibile! L’opera costata 800.000 euro alla collettività, spesso da me definita quale ‘ponte della vergogna’. Ponte a cui danno importanza le cinque famiglie che lo utilizzano per raggiungere le loro proprietà (al di là del ponte è tutto privato) e fino a poco tempo fa utilizzato come parcheggio. Devo obbligatoriamente rammentare che (e Tu ne sei a conoscenza almeno credo) che i privati sarebbero stati disponibili nel realizzare a loro spese una struttura per accedere ai loro fondi ed abitazioni”.

“Perché quindi – termina Paolino - si è proceduto con l’opera pubblica e con la spesa di denaro pubblico per un’opera ad appannaggio di pochi? Perché, realizzata nel posto sbagliato? Alla ‘telenovela’ del ponte, poiché penso che nessuno la conosca meglio del sottoscritto, seguiranno senz’altro altre puntate… ed il finale a volte non sempre è gradito. Non avrei voluto ma, questa mia, per il momento sommaria ma ‘vera’ replica all’ex ex Sindaco, e perché no, come da voci di popolo futuro candidato alle elezioni amministrative, era doverosa per una precisa e reale informazione”.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore