/ CRONACA

Spazio Annunci della tua città

Causa limiti circolazione centro città Milano per inquinamento, euro 3 fap, vendo perfetta C5 2.2, automatica, pelle,...

Scooter elettrico a 4 ruote Monrach Royale, per disabili e anziani. Possibile avere anche con copertura per la pioggia ...

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Porto Maurizio Borgo Marina Imperia Fronte Mare bellissimo trilocale completamente ristrutturato e arredato, con aria...

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | giovedì 19 ottobre 2017, 10:57

Imperia: Comitato di genitori furioso con la Rt "Troppi ragazzi vengono lasciati a terra al mattino!"

"Gli autobus passano stracolmi di studenti e sono impossibilitati a caricarne altri. Coloro che riescono in qualche modo a salire sugli automezzi, devono stare in piedi, pressati l’uno con l’altro e spesso accusano malori".

Un comitato di genitori di alunni che utilizzano il servizio di trasporto pubblico locale, ci hanno scritto per denunciare la situazione sulla tratta Riva Ligure-Imperia.

“La Riviera Trasporti – scrivono i genitori - ogni mattina puntualmente lascia a piedi i ragazzi che devono recarsi presso i vari Istituti Scolastici. Gli autobus passano stracolmi di studenti e sono impossibilitati a caricarne altri. Coloro che riescono in qualche modo a salire sugli automezzi, devono stare in piedi, pressati l’uno con l’altro e spesso accusano malori. I Comuni versano in rate semestrali, in quota parte, somme consistenti destinate al funzionamento di tale servizio”.

I genitori chiedono in che modo vengono utilizzate queste somme viste le continue carenze del servizio. Sempre secondo il Comitato è fondamentale aumentare il numero di pullman nella fascia oraria compresa tra le 6.50 e le 7:20. “Gli studenti pagano puntualmente gli abbonamenti – proseguono gli arrabbiatissimi genitori - contribuendo in solido con i Comuni a cui appartengono al buon funzionamento del servizio trasporti”.

“Alcuni Dirigenti Scolastici – terminano i genitori - per loro giusta organizzazione interna, non ammettono ritardi in ingresso e non consentono agli studenti di rientrare per l’intera giornata. Tanto più che il fenomeno non è sporadico ma continuo”.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore