/ EVENTI

Spazio Annunci della tua città

Bellissimo Motore e frizione nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali ...

Imbarcazione in ottimo stato, Coperta e pozzetto in teak-Falchetta e trincarni in mogano verniciato.Verricello...

Bellissimo Motore e frizione nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali ...

Da vivere senza spese energetiche. In area vista mare, ben collegata con Roma e Civitavecchia, tutti i servizi...

Che tempo fa

Cerca nel web

EVENTI | giovedì 12 ottobre 2017, 11:44

Bordighera: dal 14 ottobre all'oratorio di San Bartolomeo nella città alta l'omaggio di molti artisti alle "palme perdute"

Emozionanti e vive le palme di Giuseppe Balbo, Marcello Cammi e una affiche originale della biennale di Mentone del 1964 di Graham Sutherland. Grande, spontanea, fondamentale la partecipazione degli artisti del territorio, che declinano il tema con espressioni sempre diverse ma con unica passione

All'oratorio di San Bartolomeo a Bordighera Alta, dal 14 ottobre al 19 novembre, grandi nomi sulla scena internazionale dell'arte rendono omaggio alle "palme perdute".
Emozionanti e vive le palme di Giuseppe Balbo, Marcello Cammi e una affiche originale della biennale di Mentone del 1964 di Graham Sutherland. Grande, spontanea, fondamentale la partecipazione degli artisti del territorio, che declinano il tema con espressioni sempre diverse ma con unica passione.

Tra gli ospiti internazionali di eccezione che hanno voluto portare un contributo a questo tema drammatico per la perdita del paesaggio patrimoniale e ambientale: il ceco-francese Franta -a cui la Fondation Emile Hugues di Vence ha recentemente dedicato una retrospettiva di 100 opere- il bretone-fiorentino Clet Abraham, il piemontese Ugo Giletta, Yves Bosio di Mentone, Mohamed Sabaawi dall'Egitto, Linda Mc Cluskey da Parigi e la California, Susi Gomez Vives da Elche in Spagna, sede del palmeto patrimonio dell'umanità . Da ricordare il contributo di Abdhalla Adam, dal Sud Sudan, rifugiato politico a Ventimiglia richiedente asilo in Italia , appassionato d'arte e di palme.

Nell'ambito del progetto "reperti contemporanei. aller/retour2"
qui presenti-associazione per lo sviluppo di arti e culture, l'Accademia Balbo e il collectif méditerraneen pour la sauvegarde des palmiers presentano:
Per le palme perdute Collettiva mediterranea 14/10-19/11

In occasione di
13^ giornata del contemporaneo. Sabato 14 Ottobre 2017.
AMACI- Associazione dei musei d'arte contemporanea italiani

Con il patrocinio della Parrocchia di Santa Maria Maddalena

Oratorio di San Bartolomeo, piazza del popolo, Bordighera Alta.

Simposio e vernissage tra le 17 e le 20.30 di sabato 14

ottobre, con la musica di Marco Balbo & friends.
Conversazione scientifica informale sull'infestazione del punteruolo rosso, con Susi Gomez Vives e Michel Ferry .

Un benvenuto nel corso dell'evento a Don Luca, appena insediato nella parrocchia di Santa Maria Maddalena, che ha contribuito in modo fondamentale, con il diacono e i parrocchiani di Bordighera Alta, alla riuscita della mostra e alla rinascita già in atto dell'Oratorio di San Bartolomeo, prima sede della chiesa antica di Bordighera, prezioso gioiello nascosto e troppo spesso chiuso nel meraviglioso centro storico che lo ospita.

La strage delle palme e la finalità dell'evento "per le palme perdute"

Dai primi anni 2000 il punteruolo rosso -insetto devastatore importato dall'uomo dall' estremo oriente al bacino del mediterraneo- sta distruggendo l'inestimabile patrimonio comune di palme monumentali. Bordighera è un luogo estremamente simbolico poiché ospita il secondo palmeto storico in Europa, dopo quello di Elche in Spagna. E lo sta perdendo.

Un gruppo cosmopolita e motivato di artisti, in occasione della Giornata del contemporaneo di AMACI, intende portare un tributo e una testimonianza per la memoria delle palme perdute, con l'obiettivo di sensibilizzare sul tema dell'incapacità dell'uomo di curare e proteggere il patrimonio di esseri viventi vegetali, l'unico, straordinario, irripetibile ambiente che ci circonda e permette di vivere.

Proprio in questo momento in cui l'ecatombe delle palme monumentali è giunta all'atto finale.
Le nostre palme che "sono" l'identità culturale e hanno contribuito in modo fondamentale allo sviluppo economico turistico e socioculturale della Riviera ligure di ponente dalla seconda metà dell'Ottocento .

Opere pittoriche, installazioni, performance di:

Abdhalla Adam, Clet Abraham, Fabrizio Alborno, Mario Anfosso, Giuseppe Balbo, Maria Rebecca Ballestra, Clarindo Bassani, Mariagrazia Bertacci, Sergio "Ciacio" Biancheri, Yves Bosio, Marcello Cammi, Ferruccio Carassale, Saverio Chiappalone, Linda Mc Cluskey, Enzo Consiglio, Alda Fagnano, Cesare Fenech, Franta, Danilo Frontini, Claudio Gazzoni, Ugo Giletta, Susi Gomez Vives, Maurizio Latella, Sergio Lazzaretti, Sandro Libra, Pina Morlino, Vera Noach, Lucia Palmero, Davide Puma, Mohamed Sabaawi, Natalie Silva, Graham Sutherland, Pino Venditti.

Domenica 15 ottobre, nella sala 1 del cinema Zeni di Bordighera, il collectif méditerraneen pour la sauvegarde des palmiers aprirà le porte a tutto il pubblico interessato alle ore 11.30, per un confronto-dibattito sulla situazione dell'infestazione del punteruolo rosso in Italia, Francia, Spagna, con riferimento particolare alla nostra drammaticamente "ex" riviera delle palme .
Con Michel Ferry, Susi Gomez Vives, Daniel Chabernaud, Raymond Gallo e Silvia Alborno a coordinare l'incontro. 

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore