/ CRONACA

Spazio Annunci della tua città

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

Parrot Bebop 2 con skycontroller, visore, 16 eliche di ricambio, un telaio nuovo due batterie di cui una maggiorata...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | lunedì 09 ottobre 2017, 17:51

Taggia: Francesca e Lorenzo Sposi finisce sul cartello per la sensibilizzazione dei diritti dei disabili

Sul caso interviene l'associazione Amici dei Disabili Onlus

“Quando è troppo è troppo e quando si va oltre la tolleranza è necessario ricordare la famosa frase di Martin Luther King ‘La mia libertà finisce dove comincia la vostra’. Amici dei Disabili Onlus, associazione a tutela dei Disabili si è sentita offesa alla vista del cartello stradale posto in via Colombo tappezzato con un manifesto ‘Francesca e Lorenzi Sposi’, in quanto inibisce una campagna di sensibilizzazione del Vostro comune per un sacrosanto diritto per i disabili di poter parcheggiare in tutta libertà e partecipare ad una vita sociale”.

Interviene in questo modo l’associazione che poi ricorda quelle che sono le sanzioni amministrative per atti di questo genere. E’ prevista la multa da 105 a 422 euro ai sensi dell’art. 15 comma 1, lettera b, del Codice della Strada. Da 51 a 309 euro ai sensi dell’art. 663 del Codice Penale. Da 25 a 500 euro ai sensi dell’art. 7bis del DL 267/2000.

“Molto fattibile risalire agli autori (sicuramente non gli sposi, ma parenti ed amici) per richiamarli e sanzionarli- prosegue l’associazione – e queste sanzioni se versate potranno essere devolute all’acquisto di brandine per le mamme che assistono i loro bimbi durante un ricovero ospedaliero (progetto già programmato dall’Associazione ma in cerca di ulteriori fondi) o sostituite in servizi socialmente utili come ad esempio la pulizia di tutti i cartelli del Comune di Taggia. Individuate gli autori e ci presenteremo parte civile in questa triste vicenda”.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore