/ CRONACA

Spazio Annunci della tua città

Scooter elettrico a 4 ruote Monrach Royale, per disabili e anziani. Possibile avere anche con copertura per la pioggia ...

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Porto Maurizio Borgo Marina Imperia Fronte Mare bellissimo trilocale completamente ristrutturato e arredato, con aria...

Condizioni perfette diesel intergrale colore grigio scuro

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | domenica 24 settembre 2017, 18:32

Vallecrosia: rifiuti dai comuni limitrofi buttati nei cassonetti, Quesada "Servono telecamere e serrature!" (Foto)

In quei comuni dove non c’è ancora la differenziata, purtroppo, si scatenano sempre i ‘furbetti’ che, caricando l’immondizia sulla propria vettura, preferiscono fare dei chilometri e conferire in malo modo, piuttosto che attenersi alle regole.

Rifiuti e differenziata sono sempre all’ordine del giorno nelle città della costa e dell’entroterra della provincia di Imperia. Questa volta le proteste arrivano da Vallecrosia e dal Consigliere di opposizione Cristina Quesada.

L’Amministratore vallecrosino punta il dito contro gli scarsi controlli, a suo modo di vedere, per i cosiddetti ‘furbetti del cassonetto’ che arrivano in particolare da fuori città. “Noi non siamo ancora partiti con la differenziata – ci ha detto Quesada – ed avendo i normali cassonetti per il conferimento siamo letteralmente presi d’assalto da molti ‘maleducati’ di Bordighera, Camporosso e Ventimiglia, che vengono a buttare di tutto nei cassonetti (ed anche fuori) della nostra città”.

Quesada se la prende con l’Amministrazione del suo Comune: “In questa situazione – ci ha detto – bisognerebbe intervenire subito per evitare quanto sta accadendo. Bisognerebbe installare telecamere, cassonetti con le chiavi e qualche altro accorgimento, per evitare questo conferimento selvaggio, almeno nelle zone più a rischio”.

Un problema, quello del conferimento dei rifiuti che accomuna tutte le Amministrazioni della nostra zona, con problemi di diverso genere. In quei comuni dove non c’è ancora la differenziata, purtroppo, si scatenano sempre i ‘furbetti’ che, caricando l’immondizia sulla propria vettura, preferiscono fare dei chilometri e conferire in malo modo, piuttosto che attenersi alle regole. Una mancanza di educazione che potrebbe essere corretta solo con sistemi coercitivi, che potrebbero anche rimpinguare (con adeguate multe) le casse comunali.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore