/ POLITICA

Spazio Annunci della tua città

Porto Maurizio Borgo Marina Imperia Fronte Mare bellissimo trilocale completamente ristrutturato e arredato, con aria...

Condizioni perfette diesel intergrale colore grigio scuro

J300 S.E. ABS immatricolato 09/2016 versione Limited Edition colori Kawasaki verde/nero km. 12.807 tutti effettuati...

Porto Maurizio Borgo Marina Fronte Mare bellissimo trilocale completamente ristrutturato e arredato, con aria...

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | mercoledì 13 settembre 2017, 15:33

Sanremo: dal Royal Hotel all’Assessorato al Turismo, Marco Sarlo e la sua ricetta per la città: “Credo nel marketing, serve promozione nelle fiere internazionali”

“Ultimamente il turismo si sta risvegliano, ma Sanremo e la provincia di Imperia non sono state commercializzate a dovere negli ultimi anni”

Marco Sarlo

La delega più delicata e più discussa in una città turistica è, appunto, quella al Turismo e alle Manifestazioni. Dopo il gran parlare dovuto alla scelta di non riconfermare Daniela Cassini (Sanremo Insieme) la scelta per la sostituzione è ricaduta su Marco Sarlo, general manager del Royal Hotel di Sanremo ed ex presidente di Sanremo Promotion.

Quando mi è stato proposto l’incarico la mia prima impressione è stata di sorpresa – ha dichiarato ai nostri microfoni Marco Sarlo poco dopo la presentazione ufficiale di questa mattina – ringrazio il Sindaco per l’opportunità e la fiducia e ringrazio anche la proprietà del Royal per avermi permesso di accettare l’incarico”.

Secondo Sarlo “Sanremo ha bisogno di mote cose, il turismo ultimamente di sta risvegliano ma Sanremo e tutta la provincia di Imperia hanno il problema di non essere state commercializzate negli ultimi anni, come invece si fa in altre regioni e province. Servono risorse, tempo e competenza per la promozione nelle fiere internazionali. Non è una cosa difficile da portare avanti, ma serve costanza”.

E, infine, un doveroso riferimento al suo precedente incarico di presidente di “Sanremo Promotion”: “In quel caso c’era molta più autonomia, sono abituato a frequentare i consigli di amministrazione privati, non i consigli comunali. Fare l’Assessore è una cosa diversa, sono una persona operativa, credo nel marketing e ho una mentalità aziendale. Dovrò smussare l’atteggiamento del manager ed è forse la cosa che mi farà più soffrire”.

Pietro Zampedroni

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore