/ AL DIRETTORE

Spazio Annunci della tua città

Imbarcazione in ottimo stato, Coperta e pozzetto in teak-Falchetta e trincarni in mogano verniciato.Verricello...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Coldelite 3002 RTX, 12 pozzetti, attrezzature Officine bano, Frigoriferi ISA BT e TN da 700 lt, Montapanna Carpegiani...

Affitto bilocale con 3 posti letto, con bellissima e panoramica vista mare, al p.t. di casa indipendente con grande...

Che tempo fa

Cerca nel web

AL DIRETTORE | domenica 13 agosto 2017, 17:09

Sanremo: accoglienza in spiaggia, lo sfogo di una turista "Il mare non l'avete solo voi’!"

"L'ospitalità deve essere una motivazione e una scelta di vita, non una costrizione o una ‘scocciatura’..."

"Gentile Direttore, sono una turista e le scrivo da sotto l'ombrellone. Un ombrellone trovato dopo ore di agonia e sfidando ogni sorta di maleducazione.

È Ferragosto, me ne rendo conto, ma un turista perso rimane tale per tutto l'anno. Posso capire l'alta stagione e le numerose richieste, ma mi riesce ogni volta più difficile capire i principi che guidano le vostre strutture ricettive. L'ospitalità deve essere una motivazione e una scelta di vita, non una costrizione o una ‘scocciatura’. Il sorriso, la gentilezza e l'attenzione dovrebbero essere una guida, si viene in queste zone per cercare pace e relax, per scappare allo stress e non è bello sentirsi dire ‘no, siamo pieni’ in spiaggia, non al ristorante! Dover pagare per poter entrare in uno stabilimento a fare un saluto ai propri amici/parenti e imbattersi in personale scontroso e che sembra faccia un favore già solamente ad essere presente.
Purtroppo per l'ennesima a volta questa è la dimostrazione che un luogo lo fanno le persone e non l'ambiente, persone che teoricamente hanno scelto questo lavoro consapevolmente.
Alla luce di questo domani ce ne andremo, lasceremo la struttura che abbiamo prenotato a fatica e torneremo in Romagna, dove il mare non è cristallino e brillante, ma dove le persone che incontri ti danno più di un motivo per ritornare e trovare pace.
Mi spiace, ma ‘non l'avete solo voi’, e forse dovreste imparare a non dimenticarlo, perché un turista deve avere un motivo per scegliervi, e l'abitudine come motivazione sta poco a poco scemando, soprattutto perché questa ‘abitudine’ sta diventando troppo costosa e ingiustificata. 

Se ne avrà l'occasione, le chiedo di condividere questo mio pensiero con le persone del mondo dell'ospitalità a lei vicine, e le inviti a fare una riflessione: sono 4 mesi intensi e pieni, ma ci facciano il favore di dimostrarci che sono consapevoli della scelta che hanno fatto, altrimenti che cambino mestiere!

La ringrazio,
Ilaria".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore