/ POLITICA

Spazio Annunci della tua città

Imbarcazione in ottimo stato, Coperta e pozzetto in teak-Falchetta e trincarni in mogano verniciato.Verricello...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Coldelite 3002 RTX, 12 pozzetti, attrezzature Officine bano, Frigoriferi ISA BT e TN da 700 lt, Montapanna Carpegiani...

Affitto bilocale con 3 posti letto, con bellissima e panoramica vista mare, al p.t. di casa indipendente con grande...

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | sabato 12 agosto 2017, 16:41

Ventimiglia: 'L’Alleanza' interviene sull’intervista di Don Rito a Repubblica: “Le sue parole umiliano un quartiere intero”

"Leggere infatti che ‘Le Gianchette sono un quartiere popolare mafioso e infrequentabile già 15 anni fa’ è una dichiarazione che non possiamo tollerare"

Il Movimento Politico Culturale L’Alleanza, operante in tutta la provincia di Imperia, interviene sulle parole di Don Rito sull’inserto di Repubblica di oggi:

"Leggiamo con stupore i virgolettati rilasciati da Don Rito all’inserto di oggi di Repubblica, in un articolo firmato da Federico Rampini. Il parroco di Roverino e Gianchette, famoso alla cronaca per essere colui che ospita famiglie di migranti nei locali della parrocchia, si permette alcune frasi che riteniamo vergognose.

Leggere infatti che ‘Le Gianchette sono un quartiere popolare mafioso e infrequentabile già 15 anni fa’ è una dichiarazione che non possiamo tollerare. Le Gianchette sono un quartiere di Ventimiglia, formato da persone rispettabili e famiglie di lavoratori, che da tre anni vivono in mezzo ad una situazione disastrosa che ha nei principali colpevoli proprio Don Rito. Del resto, le politiche vergognose in tema di accoglienza del Governo, trovano in personaggi come Don Rito burro da tagliare con un coltello caldo.

Non crediamo che Ventimiglia abbia bisogno di altra pubblicità spazzatura e ci auguriamo che il vescovo intervenga affinché queste parole non passino inosservate. Le Gianchette hanno subito abbastanza e i suoi abitanti non meritano di essere ancora umiliati da un parroco che, se non ha piacere di restare, può sempre tornarsene in Colombia, dove siamo certi ci sia più bisogno di lui".

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore