/ CRONACA

Spazio Annunci della tua città

Bellissimo Motore nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali Riscaldamento ...

Imbarcazione in ottimo stato, Coperta e pozzetto in teak-Falchetta e trincarni in mogano verniciato.Verricello...

In area vista mare, fornita di tutti i servizi necessari ad una vita sociale; due livelli fuori terra ed un piano...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | lunedì 07 agosto 2017, 11:08

Imperia: una festa privata organizzata dal bar Niki in via Cascione scatena l'ira dei commercianti

Ha scatenato le polemiche tra alcuni commercianti, la festa che si è svolta ieri sera nella pedonalizzata via Cascione a Imperia, con la partecipazione dello showman dianese Gianni Rossi. Il motivo? Il fatto che sia stata organizzata da un privato, Antonio Gagliano, titolare del Bar Niki, peraltro contrario alla pedonalizzazione, e che questi non abbia coinvolto nessuno dei colleghi della via con una pubblicità adeguata

Immagine tratta dalla pagina Facebook Via Cascione Isola Felice

Ha scatenato le polemiche tra alcuni commercianti, la festa che si è svolta ieri sera nella pedonalizzata via Cascione a Imperia, con la partecipazione dello showman dianese Gianni Rossi. Il motivo? Il fatto che sia stata organizzata da un privato, Antonio Gagliano, titolare del Bar Niki, peraltro contrario alla pedonalizzazione, e che questi non abbia coinvolto nessuno dei colleghi della via con una pubblicità adeguata.

Ieri i negozianti durante la festa hanno lasciato abbassate le saracinesche ritenendo l’evento una festa privata, nonostante nel post di Gianni Rossi che pubblicizzava la serata, i ringraziamenti fossero rivolti a Gagliano e al Civ di Porto Maurizio.

Il Civ però ci tiene a far sapere che, pur essendosi occupato della logistica, non ha avuto un ruolo attivo nell’organizzazione, e soprattutto la festa è stata pagata in toto da Gagliano.

E’ un’iniziativa nata da una sua idea. – spiega a Sanremo News il presidente del Civ Riccardo Caratto - Inizialmente avrebbe voluto farla a livello privato, ma, visto che non era possibile, ha chiesto al consorzio di espletare le pratiche burocratiche, come del resto è già stato fatto altre volte per altre manifestazioni”.

Tra i commercianti più inviperiti con Gagliano, vi è sicuramente Nicoletta Bracco, titolare della cartoleria Benedusi e Falciola, membro attivo del comitato “Via Cascione Isola Felice”.

Gagliano – spiega Bracco a Sanremo News - ha organizzato una festa privata chiedendo il supporto logistico del Civ. Non ha detto niente a nessuno, infatti io l’ho scoperto la sera prima alle 22.30. Si è fatto la sua festa facendo passare agli occhi degli esterni, il Civ come un gruppo di incapaci che non hanno saputo organizzare e pubblicizzare l’evento, e gli altri commercianti per scorretti che non hanno aperto durante la manifestazione. Ricordiamo che Gagliano ha dichiarato che quando cambierà l’amministrazione, si adopererà per ripristinare via Cascione al traffico veicolare”.  

Secca la replica di Gagliano. “Se un locale, di sua iniziativa, organizza una serata, deve per forza coinvolgere gli altri commercianti? Non mi sembra che lo facciano in altre parti della città. La festa era mia, ma se non si possono organizzare feste privatamente ditelo che smettiamo subito. Qui mi sembra che si rasenti il ridicolo. Dicono che è sembrata organizzata dal Civ? Il Civ non ha organizzato niente, ho pagato tutto di tasca mia e devo dire che, nonostante ci sia stata molta partecipazione, con tutte le spese sostenute, penso di essere fortunato se sono andato in pareggio”.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore