/ CRONACA

Spazio Annunci della tua città

Libera su 3 lati: camera, sala, bagno, cucina con uscita in giardino. Terreno 13.000 mt bosco castagni e frutteto....

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

Parrot Bebop 2 con skycontroller, visore, 16 eliche di ricambio, un telaio nuovo due batterie di cui una maggiorata...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | venerdì 21 luglio 2017, 20:03

Taggia: il TAR ha respinto entrambi i ricorsi che chiedevano la sospensione del bando per le spiagge libere attrezzate

Entrambi i ricorsi saranno approfonditi in due udienze pubbliche, a novembre. Appresa la notizia c'è stato un primo commento del sindaco Mario Conio.

Un panorama della costa di Arma di Taggia

Il Tar della Liguria ha respinto entrambi i ricorsi sulla sospensiva del bando per l’affidamento delle spiagge libere attrezzate di Taggia. La decisione è stata resa pubblica nella giornata odierna mentre la discussione è avvenuta mercoledì mattina.

La vicenda relativa alle spiagge ha creato non poche polemiche. Da una parte c’è stato il ricorso di Marco Rosada, contro l’assegnazione alla Alni Srl dei Ruffini di Arma di Taggia, dall’altra quello della Verdemare Snc di Katia Nepita ed Ernesta Pizzolla. Anche loro si sono mosse contro il Comune di Taggia ma anche la Alni e lo stesso Rosada.

Si trattava sicuramente di un bando ‘ghiotto’ che avrebbe consentito la gestione dei due stabilimenti dal luglio 2017 fino al 2020. Ovviamente ci sono motivazioni diverse sui ricorsi ma la conclusione è la medesima, ognuno di questi procedimenti verrà trattato ed ulteriormente approfondito in un’udienza pubblica in programma il 24 novembre.

I cammini di entrambi i ricorsi rimangono separati anche perchè erano diverse le motivazioni che li avevano generati. Tra le conclusioni però si può scorgere qualche aspetto interessante. Per quanto riguarda il ricorso della Verdemare Srl il Tar rileva che: “…in relazione alle ulteriori censure, finalizzate alla riedizione della gara, che pure non appaiono prive di persuasività, non si riscontra la sussistenza di una situazione di pregiudizio grave e irreparabile meritevole di una tutela cautelare”. Invece, per l’iter di Rosada il tribunale amministrativo spiega: “Rilevato che il ricorso si appalesa, al sommario esame consentito nella sede cautelare, assistito da sufficienti elementi di fondatezza avuto riguardo alla censura dedotta con il primo motivo” - e aggiunge - Ritenuto comunque che, avuto riguardo alla durata del rapporto da instaurare con il Comune di Taggia (4 stagioni) e allo stato ormai avanzato della stagione non sembra sussistere una situazione di estrema gravità ed urgenza tale da disporre la sospensione dei provvedimenti impugnati”. Quindi analizzando questi stralci si evince che i magistrati hanno trovato degli elementi di verità tra le contestazioni dei ricorrenti.

Ora bisogna comprendere come vorrà procedere il Comune. Il sindaco Conio, appresa la notizia ha affermato: “Abbiamo saputo dell’esito dei due ricorsi. Prima di sbilanciarci con valutazioni e provvedimenti è mia intenzione attendere di poter visionare con precisione le motivazioni dei giudici. Sarà mia premura analizzare i documenti con il personale degli uffici comunali per capire quale possa essere la migliore strada da intraprendere”.

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore