/ EVENTI

Spazio Annunci della tua città

Coldelite 3002 RTX, 12 pozzetti, attrezzature Officine bano, Frigoriferi ISA BT e TN da 700 lt, Montapanna Carpegiani...

Oneglia in palazzo d`epoca interessantissimo appartamento di grande metratura completamente ristrutturato....

monolocale ristrutturato nuovo piano terra senza balcone 3 posti letto 350 m dal mare comodo su tutti i servizi 399...

per computer w 2234 s LCD nuovissimo mai usato. 20"

Che tempo fa

Cerca nel web

EVENTI | martedì 18 luglio 2017, 16:11

Sanremo: venerdì al Casinò l'inaugurazione della mostra "Metafore di Vita" e la presentazione del libro "Schegge di memoria"

Questo doppio appuntamento rientra nella rassegna” Metti una sera con i Martedì Letterari”.

La rassegna” Metti una sera con i Martedì Letterari” presenta venerdì alle 18, nel foyer e in sala Biribissi l’inaugurazione della mostra di Maria Rita Vita “Metafore di Vita”. Nell’ambito dell’inaugurazione presentazione del romanzo “Schegge di memoria” di Isabella Pileri Pavesio (Genova, De Ferrari Editore, 2017). In chiusura Assolo di violino del M° Giorgio Gnecco. Partecipa la Dott.sa Federica Flore, storica dell’Arte. In chiusura intervento del Maestro Giorgio Gneccio al violino.

"Un referto medico-legale, una lettera anonima e un osso umano: sono queste inquietanti tracce, ritrovate in una misteriosa busta, che conducono il detective Baglioni sulle orme di una nobile famiglia dall’oscuro passato nei meandri dell’Inghilterra vittoriana, proprio nel momento in cui uno psichiatra londinese in pensione, depresso e misantropo, riceve nella notte la visita improvvisa di una ragazza sconvolta che lo prega di aiutarla a scavare nel proprio passato".

"La vicenda, sospesa fra l’attualità di presunti delitti in una Londra di dickensiana memoria, in particolare nel Castello dei Tennenwood, seguaci di misteriosi riti alchemici, si svolge sul filo delle indagini del pigro ma sagace detective Baglioni. Baglioni, già presente nei precedenti romanzi, è dunque un antieroe, così come lo è John Irving, psichiatra in pensione, oppresso da una confusa memoria di orrori e nefandezze. Al termine di un’intricata ed inquietante trama sarà la pacificante catarsi dell’amore a riscattare i più tremendi ed inconfessati peccati, e per questo i recensori di Schegge di memoria hanno dato al romanzo linnovativa definizione di thriller “rosenoir“. Il romanzo è alla seconda ristampa ad un mese dalla sua uscita. In copertina l’opera “Il blu della speranza” olio su tela di Maria Rita Vita".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore