/ EVENTI

Spazio Annunci della tua città

Coldelite 3002 RTX, 12 pozzetti, attrezzature Officine bano, Frigoriferi ISA BT e TN da 700 lt, Montapanna Carpegiani...

Oneglia in palazzo d`epoca interessantissimo appartamento di grande metratura completamente ristrutturato....

monolocale ristrutturato nuovo piano terra senza balcone 3 posti letto 350 m dal mare comodo su tutti i servizi 399...

per computer w 2234 s LCD nuovissimo mai usato. 20"

Che tempo fa

Cerca nel web

EVENTI | lunedì 17 luglio 2017, 10:29

Mercoledì passeggiata serale alla scoperta del palmeto storico di Bordighera, le tradizioni sulle orme di Sant’Ampelio

Per informazioni: Angela Rossignoli tel. 0184 448397 o 338 4536788. Mail: angela.rossignoli@gmail.com.

Ogni mercoledì sera di luglio e agosto (fino al 30) si svolgono le passeggiate serali, lungo l’antico beodo ed il palmeto storico. Il promontorio di S. Ampelio è il simbolo di Bordighera: la bella chiesetta dedicata al santo patrono della città, domina come sentinella il sito, reso suggestivo dalle rocce in arenaria modellate, quasi forgiate dalle onde. Qui la forza della natura selvaggia incontra le antiche vicende storiche: l’ antico convento fortificato, dipendeva dalla potente abbazia benedettina di Montmajour, in Provenza, poi trasformato in priorato. L’eremita Ampelio approdato su queste rive dalla Tebaide nel V secolo, portò con sé i preziosi semi della palma da datteri, da cui ebbe origine l’antico palmeto. 

L’antica Bordighera si presenta nelle sue forme medioevali, arricchendosi nel corso dei secoli della chiesa parrocchiale barocca, dove si ripete da secoli la benedizione dei palmureli in occasione nella domenica delle palme. Il bosco di palme di Bordighera affonda le sue radici nel Medioevo, coevo alla fondazione del borgo e per questo rappresenta un unicum per la sua rarità botanica nel passato. Nonostante sia minacciato dal punteruolo rosso, mantiene ancora oggi un notevole fascino sia per la splendida posizione a balcone sul mare, che per il suo valore storico, paesaggistico, etnografico intriso di tradizioni e lavoro dell’uomo. Si evidenziano ancora oggi alcuni tratti dell’antico Beodo, canale dove scorreva l’acqua captata dal torrente Sasso, quale primaria e preziosa risorsa.

Per informazioni: Angela Rossignoli  tel. 0184 448397 o 338 4536788. Mail: angela.rossignoli@gmail.com. 

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore