/ EVENTI

Spazio Annunci della tua città

Porto Maurizio Borgo Marina Imperia Fronte Mare bellissimo trilocale completamente ristrutturato e arredato, con aria...

Condizioni perfette diesel intergrale colore grigio scuro

J300 S.E. ABS immatricolato 09/2016 versione Limited Edition colori Kawasaki verde/nero km. 12.807 tutti effettuati...

Porto Maurizio Borgo Marina Fronte Mare bellissimo trilocale completamente ristrutturato e arredato, con aria...

In Breve

domenica 19 novembre
sabato 18 novembre
venerdì 17 novembre

Che tempo fa

Cerca nel web

EVENTI | venerdì 14 luglio 2017, 07:25

Santo Stefano al Mare: quest'oggi al 'Festival del Libro' Lorenzo Costa e Marinella Gagliardi Santi

Nel corso dell’incontro, l’autore racconterà la genesi del volume e ne leggerà alcuni passi. Marinella Gagliardi Santi, che alle 22 nel 'Salotto Letterario' di Piazza Scovazzi presenterà il suo ultimo lavoro “Le allegre messe funebri” (Europa Edizioni).

Questo pomeriggio alle 15, nel Salotto Letterario di Piazza Baden Powell a Santo Stefano al Mare, nella prima giornata del Festival del Libro e degli Scrittori Liguri, l’attore e regista Lorenzo Costa presenterà il suo libro “Teatro Garage. Uno spettacolo lungo 40 anni. Il mio palco”, Edizioni Erga. Nel corso dell’incontro, l’autore racconterà la genesi del volume e ne leggerà alcuni passi. Il testo ha un doppio inizio: da una parte la storia faticosa di un tentativo di crescita e di affermazione della propria personalità, dall’altra la storia di una passione. La passione per il teatro, un carcere dorato, un percorso fatto di soddisfazioni e violente delusioni, un lavoro diverso da ogni altro, difficile, che costringe ad una continua verifica, ad un giudizio immediato. La storia di un teatro. Quarant’anni per una passione.

Lorenzo Costa (1951) attore e regista, sposato, due figli, è uno dei fondatori del Teatro Garage di cui attualmente ha la direzione artistica. Dopo un primo periodo all’interno della Compagnia di teatro dialettale diretta da Pino Lonardi, si interessa al teatro di ricerca, trasferendosi a Roma per qualche anno; la sua formazione passa attraverso diverse esperienze di studio e di lavoro che, nella fase iniziale, convergono in un periodo di apprendistato nell’ambito dell’avanguardia romana degli anni ‘70. Studia animazione della comunicazione teatrale con Franco Passatore acquistando una specifica competenza nel campo della didattica teatrale sia per bambini che per adulti. Tiene corsi di recitazione e di educazione vocale per parlare in pubblico, rivolti a professionisti, insegnanti, giovani attori. Per il Teatro Garage ha curato diverse regie privilegiando, nel primo periodo, i più famosi testi del Teatro dell’Assurdo, rivolgendo in seguito il proprio interesse verso la drammaturgia contemporanea, passione che contraddistingue le sue scelte non solo come regista, ma anche come direttore artistico.

A chiudere la prima serata del Festival del Libro e degli Scrittori Liguri di Santo Stefano al Mare sarà la scrittrice Marinella Gagliardi Santi, che alle 22 nel 'Salotto Letterario' di Piazza Scovazzi presenterà il suo ultimo lavoro “Le allegre messe funebri” (Europa Edizioni). 

Milanese di nascita ma ligure d’adozione, dalla passione per il mare e per la navigazione è nato il suo primo libro autobiografico, “Non comprate quella barca”, presentato al Salone Nautico di Genova, nonché una collaborazione con il Notiziario della Guardia Costiera tramite i racconti delle sue avventure per mare. Laureata in lettere classiche e insegnante di liceo, dalla tesi di laurea in epigrafia greca sulla magia, Marinella Gagliardi Santi ha tratto ispirazione per il romanzo “Defixiones. Il mistero delle tavolette magiche” (ed Armando Curcio), ambientato nell’antica Pompei, risultato finalista al Nabokov e secondo al Concorso Priamar di Savona. È uscito poi il seguito, “Defixiones. Dimenticare Pompei” (ancora edito da Curcio) con i medesimi personaggi coinvolti nella suspense di continui intrighi e colpi di scena sullo sfondo di Ostia, di Roma, della regione colpita dal Vesuvio… Il romanzo ha vinto il primo premio al Concorso Internazionale Città di Recco, il secondo premio al concorso Priamar dei Lions di Savona, e il quarto (scelto tra 600 autori) con premiazione in Campidoglio da parte dell’Associazione Albero Andronico. Il suo quarto lavoro, “Le allegre messe funebri”, è un’opera varia e multiforme, che si differenzia dalle precedenti: è un romanzo, una storia d’avventure e di viaggi, ma anche di momenti di vita familiare, che ha più protagonisti. Uno, in assoluto il più importante, è una personalità ricca di ingegno, forte e fuori dalle righe, presente direttamente o indirettamente per tutta l’opera, ed è l’elemento di fondo, il trait d’union di tutto il libro.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore