/ POLITICA

Spazio Annunci della tua città

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Causa limiti circolazione centro città Milano per inquinamento, euro 3 fap, vendo perfetta C5 2.2, automatica, pelle,...

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | lunedì 19 giugno 2017, 10:57

Il nuovo Msi-Dn torna a Sanremo: nominato coordinatore provinciale il sanremese Alessandro Condò

"Dobbiamo ripartire da qui – dichiara - da questo simbolo, da ciò che meglio ci rappresenta. Lontani dal passato, proiettati nel futuro. Non più legati a ciò che non è più proponibile, ma con i nostri valori sempre ben presenti".

Il sanremese libero professionista quarantaduenne Alessandro Condò è stato nominato questa mattina  a Genova, direttamente dal Presidente Nazionale del MSI-DN, Maria Antonietta Cannizzaro, coordinatore provinciale del partito, che torna a Sanremo dopo molto tempo.

Tra i fondatori di ‘Matuzia Nostra’, della quale ha ricoperto anche il ruolo di Presidente, Condò è stato il promotore di Nuova Destra Sanremese trasformatasi poi in Destra Sanremo, recentemente confluita nell'associazione provinciale ‘Alleanza’ di cui è stato socio e membro del Direttivo fino alle recenti dimissioni.

"Dobbiamo ripartire da qui – dichiara - da questo simbolo, da ciò che meglio ci rappresenta. Lontani dal passato, proiettati nel futuro. Non più legati a ciò che non è più proponibile, ma con i nostri valori sempre ben presenti. Largo alla nostra amata Italia, ai suoi giovani, alle sue  mille risorse che l'hanno resa famosa nel mondo, al suo orgoglio ferito, alla sua voglia di riscatto. Ripartiamo da qui, per ridare una dignità alle nostre città e alle nostre vie, rese irriconoscibili da anni politica folle e senza una logica se non quella di coltivare gli interessi personali. Ripartiamo dal dialogo aperto a tutti, ma nel rispetto delle regole tra chi ospita e chi viene ospitato. Avviamo e facciamoci promotori di un processo di unificazione della Destra, troppo disunita e frazionata. Pensi sia giunto il momento di mettersi tutti intorno ad un tavolo e pianificare il nostro futuro. Ripartiamo dai colori della nostra bandiera che devono ritornare a farci sentire orgogliosi e fieri di essere italiani e poterlo gridare al mondo intero. Più sicurezza, più ordine, più rispetto per il cittadino”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore