/ CRONACA

Spazio Annunci della tua città

Coldelite 3002 RTX, 12 pozzetti, attrezzature Officine bano, Frigoriferi ISA BT e TN da 700 lt, Montapanna Carpegiani...

monolocale ristrutturato nuovo piano terra senza balcone 3 posti letto 350 m dal mare comodo su tutti i servizi 399...

per computer w 2234 s LCD nuovissimo mai usato. 20"

SANREMO, SPLENDIDA VISTA MARE. PRIVATO VENDE MONOLOCALE ARREDATO AL 7° PIANO DI UN BEL COMPLESSO IN OTTIME CONDIZIONI....

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | lunedì 19 giugno 2017, 09:31

Imperia: le tre atlete del 'Setterosa' che hanno salvato alcuni bagnanti, premiate oggi dalla Guardia Costiera (Foto e Video)

“Abbiamo ritenuto giusto – ha detto il Comandante Pischedda - ringraziare direttamente le ragazze che, ieri pomeriggio, hanno dato un contributo fondamentale per trarre in salvo alcuni bagnanti che, nonostante la bandiera rossa sono entrati in acqua".

La Guardia Costiera di Imperia ha organizzato, questa mattina nella propria sede, una piccola cerimonia di ringraziamento delle tre pallanuotiste del ‘Setterosa’ che, ieri pomeriggio erano in spiaggia a Borgo Marina e che hanno aiutato i bagnini e la stessa Guardia Costiera, per salvare alcuni bagnanti che, imprudentemente, erano entrati in acqua, nonostante la bandiera rossa.

“Abbiamo ritenuto giusto – ha detto il Comandante Pischedda - ringraziare direttamente le ragazze che, ieri pomeriggio, hanno dato un contributo fondamentale per trarre in salvo alcuni bagnanti che, nonostante la bandiera rossa sono entrati in acqua. L’intervento delle ragazze è stato fondamentale per aiutare gli addetti al salvamento dei Bagni Oneglio. Vorremmo ricordare a tutti che, quando c’è la bandiera rossa, è importante non sfidare il mare in condizioni proibitive”.

Elisa Queirolo (Capitano della squadra), Rosaria Aliello (vice Capitano) e Alexandra Cotti erano in spiaggia per un pomeriggio di relax, quando hanno notato la situazione di emergenza: “Stavamo facendo il bagno ed abbiamo notato queste persone in difficoltà. Abbiamo così dato una mano ai bagnini, viste le molte persone che avevano bisogno. C’erano molte onde e molti non si rendono conto quanto sia grave il pericolo, in situazioni di questo genere. Addirittura il giovane salvato da Rosaria era in pieno panico ed ha dichiarato di non saper nuotare”.

Francesco Li Noce - Andrea Gavi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore