/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | lunedì 22 maggio 2017, 12:51

Sanremo: tempo di bilanci per il progetto pedibus, VIDEOSERVIZIO con le interviste

Il bilancio del progetto tracciato dall'assessore Eugenio Nocita e dal vicecomandante della Polizia Municipale Erica Biondi Zoccai.

Sanremo: tempo di bilanci per il progetto pedibus, VIDEOSERVIZIO con le interviste

VIDEOSERVIZIO - Sanremo/ progetto PEDIBUS - interviste e bilancio



Tempo di bilanci per il progetto Pedibus a Sanremo. Stamani la festa ha preso il via da piazza Borea d’Olmo per poi spostarsi al Palafiori dove i bimbi sono stati premiati, a margine dell’inaugurazione del Festival della Salute (LA NOTIZIA QUI). 

“Ringrazio l’ASL per aver inserito il progetto pedibus nella giornata inaugurale del Festival della Salute – dichiara l’Assessore Eugenio Nocita – perché così è possibile attribuire il giusto riconoscimento alla sua valenza che va oltre l’ambito municipale, allargandosi ad un contesto molto più vasto ed assumendo, appunto, valore di esempio virtuoso. In tema di salute voglio sottolineare una motivazione della nascita del pedibus: il contrasto all’obesità dei bambini che vede nella realizzazione di questo progetto allo stesso tempo un’azione preventiva ed una terapeutica”.

Gli istituti coinvolti nell’anno scolastico 2016/2017 sono stati la scuola primaria A. Volta dell’I.C. Italo Calvino e quella Asquasciati dell’I.C. Sanremo Ponente per un totale di 116 bambini così suddivisi: 70 bimbi per la scuola A. Volta dell’I.C. Italo Calvino (iniziato a novembre 2016 – termina a fine maggio 2017) e 46 bambini per la scuola Asquasciati dell’I.C. Sanremo Ponente (iniziato a gennaio 2017 – termina a fine maggio 2017). Importanissimo anche il ruolo degli accompagnatori, 15 al giorno: A.C.P.L. - Automobile Club del Ponente Ligure con i Volontari dell’Associazione Adolfo Rava - Ufficiali di Gara (responsabili anche di coordinamento e organizzazione turni e presenze) e i Volontari dell’A.N.T.E.A.S. - Associazione Nazionale Tutte le Età Attive per la Solidarietà (nonni vigile).

In totale, per tutta la durata dell’anno scolastico, le giornate del pedibus sono state 108 e i percorsi compiuti 384. I percorsi hanno partenza: presso la fontana Siro Carli intersezione tra via S. Francesco e via Z. Massa giardini del Palazzo Comunale (corso Cavallotti) Che cos’è il pedibusPedibus è “l’autobus umano formato da un gruppo di bambini passeggeri e da due o più adulti autisti e controllori” con partenza, fermate intermedie ed arrivo.

I bambini sono pedoni molto particolari perché raramente si muovono a piedi: di solito viaggiano in auto, in moto o in corriera come “passeggeri” e conoscono poco le strade, le piazze, i negozi, i servizi. Per loro la strada è quasi esclusivamente un luogo pericoloso da evitare: una delle finalità del pedibus è consentire ai bimbi di riappropriarsi dello spazio urbano dalla casa - o dalla fermata del pedibus - alla scuola, per poterlo vivere in modo responsabile e consapevole come un luogo educativo e socializzante.

Stefano Michero

"L'Europa che c'è. L'Europa che verrà."

Il dibattito in diretta sul nostro quotidiano. SCOPRI DI PIU'

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore