/ ATTUALITÀ

Spazio Annunci della tua città

Parrot Bebop 2 con skycontroller, visore, 16 eliche di ricambio, un telaio nuovo due batterie di cui una maggiorata...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | mercoledì 17 maggio 2017, 07:21

Tempo di trasferimenti per le parrocchie della Diocesi di Ventimiglia e Sanremo - Ecco chi andrà via e chi arriverà

Intervista al Vescovo Antonio Suetta sui cambiamenti che a breve diventeranno effettivi in molte delle parrocchie della Diocesi.

Il Vescovo Antonio Suetta

Mesi di cambiamenti attendono le parrocchie della Diocesi di Ventimiglia-Sanremo. Il Vescovo Antonio Suetta ha recentemente stabilito alcuni trasferimenti. Si tratta principalmente di cambi dovuti a sopraggiunti limiti d’età, che porteranno ‘nuova linfa’.

Il periodo degli avvicendamenti sarà tra giugno e settembre. Ecco quali sono le parrocchie interessate dai trasferimenti:
Sant’Agostino di Ventimiglia - Don Daniele Bisato (81 anni) lascerà l’incarico per raggiunti limiti d’età e subentrerà Don Angelo Di Lorenzo (64 anni), attuale parroco di Bordighera;
- Bordighera - Don Angelo Di Lorenzo andrà via ma non è ancora noto chi prenderà il posto;
- San Rocco di Vallecrosia - Don Umberto Collecchia (81 anni) lascerà l’incarico per raggiunti limiti d’età e subentrerà Don Antonio Robu (46 anni), attuale parroco di Badalucco e parte della Valle Argentina;
- Badalucco - Don Antonio Robu andrà via ma non è ancora noto chi prenderà il posto;
- Rosario di Sanremo - frazione Baragallo - Don Giorgio  Bellotto (85 anni) lascerà l’incarico per raggiunti limiti d’età e subentrerà Don Diego Basso (41 anni), attuale vice parroco di San Siro a Sanremo;
- Santi Antonio e Giuseppe di Arma di Taggia - Don Benito Cagnin (80 anni) lascerà l’incarico per raggiunti limiti d’età e subentrerà Don Alessio Antonelli (37 anni) parroco di Dolceacqua;
- Dolceacqua - Don Alessio Antonelli andrà via per andare ad Arma di Taggia e subentrerà Padre Giovanni Vergel (39 anni)

Abbiamo chiesto al Vescovo il motivo di questi trasferimenti. “L’età che segna il punto limite, genericamente fissata dalla normativa canonica, è di 75 anni. Questo vale strettamente per i Vescovi che a quell’età sono invitati a lasciare e vale per tutti gli uffici nella Chiesa. - spiega Mons. Suetta - Visto che la salute assiste le persone e la disponibilità consente loro di andare avanti, possiamo andare anche un po’ oltre questa età. Il Vescovo prima di accettare le dimissioni può far passare del tempo. Se la salute lo consente, io lascio più o meno fino ad 80 anni. Compiuti gli 80 anni è opportuno dare un po’ di sollievo ai parroci ed anche avvicendare nell’incarico delle parrocchie”. 

Che cosa può dirci dei nuovi preti che subentreranno?
“Sono mediamente più giovani. E’ un modo per incentivare e dare un impulso di rinnovamento pastorale. Il discorso cambia per le parrocchie più piccole. Creerei certamente disagio a questi sacerdoti ben radicati sul territorio. Sono parrocchie piccole quindi dovrei poi sostituirli con presenze non stabili. Non avrebbe senso e sarebbe solo danno e di nessuna utilità” - ha sottolineato il Vescovo.

I fedeli devono aspettarsi altri cambiamenti? “Sto ancora lavorando per sistemare altre posizioni. Sarà necessario rimpiazzare Badalucco e Bordighera. - precisa Mons. Antonio Suetta - Saranno ordinati nuovi sacerdoti che mi consentiranno di effettuare ulteriori spostamenti. Il problema è che non avendoli ancora ordinati non posso dire i nomi per una questione di correttezza. Al più presto sarà comunicata la nomina di due nuovi sacerdoti. L’apporto di nuovi sacerdoti, che non è detto che siano appena stati ordinati, mi consentirà di sistemare questi vuoti che si verranno a creare per questi avvicendamenti. Badalucco si saprà a luglio e Bordighera, spero prima”.

Ha paura che questi cambiamenti possano portare proteste come era avvenuto qualche tempo fa a Coldirodi di Sanremo con lo spostamento di Don Pasquale Traetta? “Ho incontrato la gente in molte delle parrocchie interessate dai trasferimenti ed ho trovato persone che comprensibilmente sono dispiaciute per il distacco e lo comprendo perfettamente ma ho riscontrato un senso ecclesiale molto buono. Anche a Coldirodi dove sono stato due settimane fa per la Visita Pastorale” - ha concluso il Vescovo. 

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore