ATTUALITÀ - 29 aprile 2017, 07:11

Taggia: consiglio comunale in streaming e differita, un servizio innovativo che fa risparmiare tanto e garantisce alta qualità

Ad oggi la gente si sta avvicinando cautamente al servizio. Un esempio su tutti, il consiglio comunale monotematico per l’approvazione del PUC. Sulla carta era un argomento importante. Nella sala consigliare c’erano meno di 10 persone ma collegate da casa erano più di 300.

Taggia: consiglio comunale in streaming e differita, un servizio innovativo che fa risparmiare tanto e garantisce alta qualità

A Taggia c’è uno dei migliori servizi streaming per guardare il consiglio comunale e la gente se ne sta accorgendo. Una novità varata a marzo e che adesso sta dando i suoi frutti. L’assise cittadina di Taggia può essere vista in diretta, ma la vera novità si trova nella differita. Il servizio attivato dal comune ai piedi della Valle Argentina è davvero innovativo.

Il giorno successivo alla trasmissione in tempo reale viene messo online il video dell’intera seduta, completamente editato e diviso per argomenti e singoli interventi. Questo vuol dire che ‘lo spettatore’ può scegliere quale punto dell’ordine del giorno guardare e saltare tra le dichiarazioni degli amministratori.

Nessun altro comune della provincia di Imperia garantisce una tale fruibilità di un servizio che sta ormai prendendo sempre più piede. Imperia, Bordighera e Sanremo lo usano già da qualche tempo ma non hanno questa possibilità nella visione del giorno dopo. A Taggia l’idea è partita dall’Ufficio Informatica e dalla Segreteria Comunale. E’ bastato collegare una telecamera all’ingresso della sala consigliare.

Il filmato viene trasmesso in diretta sulla piattaforma Civicam, dove Taggia ha una pagina web dedicata (http://taggia.civicam.it/). Qui viene riversata l’intera seduta di consiglio che poi viene elaborata e sezionata nelle parti dalla Apply Communication Group, il tutto nell’arco di 24 ore, così come previsto da contratto.La gente si sta avvicinando progressivamente al servizio. Un esempio su tutti, il consiglio comunale monotematico per l’approvazione del PUC. Sulla carta era un argomento importante. Nella sala consigliare c’erano meno di 10 persone ma collegate da casa erano più di 300. Invece, quasi 400 sono le visualizzazioni fatte in differita. Fino ad ora rimane la trasmissione più vista. Certo, questi risultati sono influenzati da ciò che viene trattato nell’Ordine del Giorno.

Il servizio oltre ad essere futuristico per la riviera dei fiori, garantisce un considerevole risparmio per le casse comunali. Prima, Taggia pagava anche 700 euro ad ogni seduta del consiglio comunale, che veniva trasmessa su rete televisiva. Oggi, invece, il servizio costa 128 euro al mese e non importa quante siano le trasmissioni sul sito, il prezzo rimane invariato.La tecnologia adottata a Taggia offre anche ulteriori margini di sviluppo. Infatti, si potrebbe trasmettere anche il Consiglio Comunale dei Ragazzi, che in questi anni, con le proprie proposte, si è integrato perfettamente con l’attività amministrativa dei più ‘grandi’. Infine, basterebbe acquistare un’altra telecamera ed installarla a Villa Boselli per trasmettere incontri, conferenze o premiazioni importanti.

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
SU