/ CRONACA

CRONACA | venerdì 24 febbraio 2017, 07:23

Diano Marina e pista ciclabile. Federalberghi non soddisfatta dall'incontro con il vice Sindaco. Pilati: "Il progetto è solo nella mente di Za"

"Quello che a noi interessa è che gli alberghi siano aiutati, perché è sul turismo che si basa l’economia della città"

Diano Marina e pista ciclabile. Federalberghi non soddisfatta dall'incontro con il vice Sindaco. Pilati: "Il progetto è solo nella mente di Za"

Il presidente di Federalberghi Americo Pilati non soddisfatto dall’incontro avuto alcuni giorni fa con il vice Sindaco e Assessore ai Lavori Pubblici di Diano Marina Cristiano Za Garibaldi sul tema della realizzazione della pista ciclabile che, secondo i piani dell’amministrazione, dovrebbe essere realizzata sull’attuale Aurelia.

Nei giorni che hanno preceduto l’incontro, Federalbeghi aveva inviato a Za alcune domande sulla realizzazione della pista relative a viabilità e parcheggi.

Pensavo avessero in mente il progetto per arrivare fino in fondo a Diano Marina, - ha detto Pilati, contattato da Sanremo News - invece il progetto che esiste attualmente, è fatto dalla Regione, comincia con una rotonda davanti a via Oleandri a levante di Diano Marina. Chi vorrà andare negli alberghi di Borgo Paradiso continuerà sull’Aurelia e gli altri saranno obbligati a passare sulla ferrovia. Il progetto arriva fino al pontino. Il resto è buio completo”.

Noi – continua Pilati – pensavamo ci fosse qualcosa in più, ma quel qualcosa è solo nella mente dell’Assessore per cui noi all’incontro ci siamo bloccati, e abbiamo dato l’ok per il primo passaggio visto che a noi interessa la viabilità sui nostri alberghi, quindi se ci lasciano l’Aurelia a metà, con un senso unico verso ponente a noi va bene”.

Nessun progetto dunque, - come già aveva chiarito lo stesso vice Sindaco in Consiglio Comunale -, sulla pista che, vede in campo anche un comitato che chiede la realizzazione sul vecchio sedime ferroviario.

Su questo mi sono bloccato – spiega ancora Pilati - e ho preferito chiarire che saremo a disposizione non appena un urbanista disegnerà la viabilità di Diano Marina. Quello che a noi interessa è che gli alberghi siano aiutati, perché è sul turismo che si basa l’economia della città. Il resto, almeno al momento è solo nella mente di Za”.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore