/ CRONACA

Spazio Annunci della tua città

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. saranno disponibili a partire dal 70° giorno (intorno al 20...

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | mercoledì 22 febbraio 2017, 13:45

Imperia: processo civile per il caso di Sergio Salvagno, udienza rinviata al 16 maggio quando ci sarà l'assicurazione (Foto e Video)

Fulvio Salvagno, che ha lasciato il tribunale insieme al fratello, non ha rilasciato nessun commento in attesa che finisca l'udienza. Sembra che le assicurazioni si siano appellate a un vizio procedurale.

E’ stato rinviato al 16 maggio il processo, che ha visto oggi lo svolgimento della prima udienza sulla causa civile della famiglia di Sergio Salvagno contro l’americano William Mc Inness, l’uomo che sparò il razzo che lo ferì gravemente rendendolo inabile alle ‘Vele d’Epoca’.

E’ stata avanzata dalla parte civile di Salvagno, la richiesta risarcitoria e, anche se l’avvocato non si sbilancia sulla cifra, si parla di 700mila euro. L’udienza era stata rinviata dal giudice Silvana Oronzo in quanto la prima assicurazione del Mc Innes, la Pantenius, non era intenzionata a pagare giustificando la non copertura del danno come 'atto improprio' e lo stesso Mc Inness, difeso dagli avvocati Andrea Artioli e Tito Schivo, aveva quindi chiamato in causa altre due assicurazioni di cui è titolare. Per questo motivo il giudice era stato costretto a rinviare la prima udienza in sede civile per permettere di acquisire gli atti e di ascoltare le motivazioni delle altre due assicurazioni chiamate in causa.

L'intervista all'avvocato Cuzzocrea:

Siamo abbastanza soddisfatti – ha commentato l’avvocato – perché non è stato mutato il rito, è stato mantenuto sommario come lo avevo introdotto, e quindi questo dà la possibilità che la causa si definisca in un tempo abbastanza veloce a differenza, se fosse stato convertito in ordinario i tempi sarebbero stati decisamente più lunghi. Sono state estromesse dal giudizio due parti che erano state chiamate in causa, per cui si è ristretta la cerchia delle parti presenti. Per la prossima udienza verrà chiamata un’altra assicurazione e vedremo poi le loro difese e quello che ne conseguirà. Proseguiremo dalla prossima udienza, il 16 maggio, sperando di poter poter chiudere il prima possibile. Sulla richiesta di risarcimento l’abbiamo quantificata ma al momento preferirei non pronunciarmi perché è un po’ presto per parlare di somme. Forse dalla prossima udienza si concretizzerà qualcosa”. 

Oggi, oltre al legale della famiglia, Anna Maria Cuzzocrea, c’erano anche Sergio Salvagno, il fratello Fulvio e la moglie Silvana Lo Monaco. La difesa di Salvagno ha chiesto al giudice una provvisionale del 50 per cento per le spese mediche a Sergio, oltre ai danni quantificati dai periti. Per quanto concerne, invece, la sentenza penale (un anno e due mesi di reclusione al Mc Inness e il pagamento di 400mila euro alla famiglia Salvagno) gli avvocati del Mc Inness sono ricorsi in appello.

Fulvio Salvagno, che ha lasciato il tribunale insieme al fratello, non ha rilasciato nessun commento in attesa che finisca l'udienza. Sembra che le assicurazioni si siano appellate a un vizio procedurale ma, intanto, è emerso che è stata esclusa dal giudizio Assonautica mentre, il 13 maggio prossimo verrà convocata l’assicurazione Axa.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore