/ CRONACA

Spazio Annunci della tua città

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Causa limiti circolazione centro città Milano per inquinamento, euro 3 fap, vendo perfetta C5 2.2, automatica, pelle,...

Scooter elettrico a 4 ruote Monrach Royale, per disabili e anziani. Possibile avere anche con copertura per la pioggia ...

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | lunedì 16 gennaio 2017, 15:05

Diano Marina: processo per voto di scambio "light". Utilizzabili le intercettazioni telefoniche

Lo ha stabilito questa mattina il giudice monocratico del Tribunale di Imperia Marina Aicardi respingendo le eccezioni degli avvocati difensori degli imputati: Emanuele Lamberti per Chiappori, Stefania Uva, oggi sostituita da Sabrina Tallone, per Za Garibaldi e Bregolin, Marco Bosio per Sciglitano e Roberto Trevia per i due Surace e Manitta

Potranno essere utilizzate le intercettazioni telefoniche in merito al processo che vede imputati per voto di scambio il Sindaco di Diano Marina Giacomo Chiappori, il suo vice Cristiano Za Garibaldi, il Consigliere Comunale Bruno Manitta, l’ex Assessore Francesco Bregolin, l’Amministratore Unico di Gm Domenico Surace, il padre di quest’ultimo, Giovanni e l’ambulante Giovanni Sciglitano.

Lo ha stabilito questa mattina il giudice monocratico del Tribunale di Imperia Marina Aicardi respingendo le eccezioni degli avvocati difensori degli imputati: Emanuele Lamberti per Chiappori, Stefania Uva, oggi sostituita da Sabrina Tallone, per Za Garibaldi e Bregolin, Marco Bosio per Sciglitano e Roberto Trevia per i due Surace e Manitta.

Quest’ultimo ha presentato le eccezioni anche relativamente ai tempi di indagine. Sia per quanto riguarda i tempi, che per le intercettazioni, la difesa ha sostenuto che il procedimento attuale sia completamente diverso da quello da cui erano partite le indagini, ovvero per ipotesi di reato di stampo mafioso, condotte dalla DDA di Genova, indagini poi archiviate anche dalla Procura di Imperia.

Tuttavia il giudice, come già stabilito in sede di udienza preliminare dal Gip Massimiliano Botti, ha respinto le eccezioni in quanto si tratta di “fatti identici o connessi e comunque rientranti nel medesimo filone”, rispetto a quello oggetto delle indagini.

Sempre questa mattina è stata depositata la nuova lista dei testimoni dell’accusa e della difesa. Il Pm Alessandro Bogliolo ha confermato tutti i testimoni a parte il Soprintendente Capo della Polizia Municipale Paolo Goina, in quanto testimone nel processo che vede il Sindaco Chiappori imputato per tentativo di abuso d’ufficio. Inizialmente il fascicolo era il medesimo, ma il collegio dei giudici ha deciso di separarlo da quello per voto di scambio. Anche le difese hanno confermato la lista dei testimoni, inoltre l’avvocato Tallone ha chiesto che venga ascoltato anche Francesco Bregolin, in qualità di imputato.

Infine, le difese non hanno acconsentito all’acquisizione dei “brogliacci” di ascolto, ovvero le intercettazioni, effettuate dalla Pg. Per questo il giudice ha affidato una perizia per la trascrizione a Giuseppe Tarricone e ha invitato le parti a integrare eventualmente l’elenco delle telefonate da trascrivere.

Il processo è stato aggiornato al 13 marzo alle 9.30.

Francesco Li Noce

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore