/ POLITICA

Spazio Annunci della tua città

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

Nel comprensorio sciistico della Riserva Bianca, a due passi dalla Costa Azzurra, di 100 metri quadrati,...

Causa limiti circolazione centro città Milano per inquinamento, euro 3 fap, vendo perfetta C5 2.2, automatica, pelle,...

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | sabato 17 dicembre 2016, 12:24

Rezzo: il Presidente della Regione Toti "Stiamo dando delle scale di priorità, servono interventi capillari" (Foto e Video)

"Non dobbiamo solo aggiustare le strade. Dobbiamo farlo in fretta non è tollerabile che per aprire un cantiere in questo paese servano oltre 6 mesi di tempo”.

Il Presidente della Regione, Giovanni Toti, ha confermato l’importanza dei danni subiti dalla Valle Arroscia, in occasione del maltempo del 24 novembre scorso: “I danni sono stati davvero gravi e vederli fa impressione. Resta la soddisfazione che, con l’ondata di maltempo, non c’è stata nemmeno una vittima, segno che la Protezione Civile ha cominciato a funzionare bene. Oggi dobbiamo pensare alla ricostruzione, alla messa in sicurezza e le condizioni di vita normale di questi splendidi borghi. Lo ‘Stato di emergenza’ ci aiuta. Gli 11 milioni sono pochi ma sono un inizio e spero che arrivi almeno la metà della somma nelle prossime ore ma non dimentichiamo che la Regione ha stanziato 2,5 milioni ed ulteriori 2 entro la fine dell’anno. Sono risorse importanti ed ora bisogna fare presto, perché la gente è fuori di casa e le strade sono interrotte. Bisogna lavorare nel modo più rapidi e noi siamo a disposizione anche durante le vacanze di Natale”.

C’è anche il problema della prevenzione e della messa in sicurezza del territorio: “Dobbiamo sistemare molti fronti di frane, ben 11mila in tutta la Regione, che nascono dalla trascuratezza del territorio. Lavoreremo per metterle in sicurezza e, nella Legge di stabilità ci saranno ulteriori fondi per la messa in sicurezza del suolo e credo che si potrà fare un lavoro importante, in collaborazione con Province e Comuni, con quei pochi soldi che ci sono. Potremo utilizzare anche le accise della benzina e nel 2017 potremo far partire una serie di appalti in tutta la regione”.

I privati sono preoccupati per i danni subiti. Ci sono risposte dalle Istituzioni? “Per quanto riguarda i risarcimenti ai privati c’è una legislazione restrittiva. Bisognerà ragionare anche su questo e certamente le aziende che hanno riportato danni meritano un aiuto. I soldi dello ‘Stato di Emergenza’ non si potranno usare ma, comunque, far funzionare le imprese, chiudere i fronti di frana ed evitare che possa accadere nuovamente quanto successo, può essere importante anche per i privati. Cercheremo di privilegiare chi ha avuto danni, nei bandi del 2017”. 

“Decenni di incuria non si sistemano in una legislatura ma iniziamo un percorso. Stiamo dando scala di priorità. Alcune migliaia di euro li stiamo stanziando. Lo stiamo facendo nelle grandi città e in queste zone servono interventi capillari ma non di minore importanza anzi. Rimbocchiamoci le maniche”.  Lo ha detto il Presidente della Regione, Giovanni Toti, nell'incontro in Comune. "Cerchiamo di fare in fretta - ha proseguito - per ripristinare condizioni di vita normale ed importante. Non dobbiamo solo aggiustare le strade. Dobbiamo farlo in fretta non è tollerabile che per aprire un cantiere in questo paese servano oltre 6 mesi di tempo”.

Stefano Michero

Animus Loci:
tracce d'Europa nel cuore d'Italia

In diretta sul nostro quotidiano venerdì 25 maggio dalle ore 17. SCOPRI DI PIU'

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore