/ POLITICA

Spazio Annunci della tua città

Causa limiti circolazione centro città Milano per inquinamento, euro 3 fap, vendo perfetta C5 2.2, automatica, pelle,...

Scooter elettrico a 4 ruote Monrach Royale, per disabili e anziani. Possibile avere anche con copertura per la pioggia ...

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Porto Maurizio Borgo Marina Imperia Fronte Mare bellissimo trilocale completamente ristrutturato e arredato, con aria...

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | mercoledì 14 dicembre 2016, 18:25

Sanremo: sciopero al Casinò ed i clienti dopo il concerto di Gino Paoli 'fuggono' a Montecarlo

E’ accaduto sabato scorso al Casinò di Sanremo, dove era stato organizzato il concerto del cantautore genovese, al quale hanno assistito circa 180 clienti, tutti invitati dalla casa da gioco matuziana, in occasione del ponte dell’Immacolata (durante il quale era stato organizzato anche lo spettacolo di Beppe Braida).

Il Casinò investe migliaia di euro per invitare i clienti migliori al concerto di Gino Paoli, riempie il ristorante del Roof Garden ma, lo sciopero di alcuni dipendenti del ramo giochi, li fa ‘fuggire’ a Montecarlo.

E’ accaduto sabato scorso al Casinò di Sanremo, dove era stato organizzato il concerto del cantautore genovese, al quale hanno assistito circa 180 clienti, tutti invitati dalla casa da gioco matuziana, in occasione del ponte dell’Immacolata (durante il quale era stato organizzato anche lo spettacolo di Beppe Braida). Il concerto di Gino Paoli è stato un successo, con gli invitati che hanno gustato le prelibatezze del ristorante, sulle note di uno dei cantanti che hanno fatto la storia della musica italiana. Ma, quando la serata sarebbe potuta proseguire ai tavoli verdi (quindi con possibili buoni incassi per la casa da gioco), in molti hanno lamentato i pochi aperti ed hanno lasciato il Casinò. Hanno preso l’auto e, in pochi minuti hanno raggiunto Montecarlo dove tutto era aperto.

Uno sgarbo per il Casinò matuziano che sta seguendo la linea degli appuntamenti di prestigio, ospitando artisti di grande rilievo, proprio per offrire spettacoli di qualità ai clienti che, successivamente, sono attratti dalla qualità della casa da gioco sanremese e dai giochi. Sabato, però, questo non è potuto accadere per lo sciopero che, tra l’altro, era stato indetto anche il sabato precedente.  

Oltre alle cattive notizie ne arrivano anche alcune buone per l’azzardo matuziano. Infatti, i conti che ad inizio dicembre vedevano il Casinò in perdita per circa 400mila euro (nel periodo gennaio novembre) rispetto all’anno scorso, nonostante gli scioperi del 3 e 10 dicembre, c’è stata una risalita negli incassi, che hanno portato un segno positivo di 185mila euro. In pratica ne sono stati recuperati 600mila, nel giro di 10 giorni. E questo dopo un novembre ‘nero’, visto che il Casinò ha fatto segnare un 13% in meno rispetto allo stesso mese del 2015.

La casa da gioco, secondo le previsioni, dovrebbe chiudere l’anno con 45 milioni di euro di incassi, ovvero quanto era già stato previsto nel corso degli ultimi mesi. Ma la volontà della società che gestisce l’azzardo matuziano è sempre quella di voler portare al suo interno cultura e spettacolo da associare alla passione per il gioco dei clienti. Proprio domani verranno presentate le manifestazioni natalizie che proporrà il Casinò, alla presenza dell’Assessore al Turismo, Daniela Cassini, del Direttore Generale Giancarlo Prestinoni, e del consigliere del Cda, Olmo Romeo.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore