/ ATTUALITÀ

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Porto Maurizio Borgo Marina Imperia Fronte Mare bellissimo trilocale completamente ristrutturato e arredato, con aria...

Condizioni perfette diesel intergrale colore grigio scuro

J300 S.E. ABS immatricolato 09/2016 versione Limited Edition colori Kawasaki verde/nero km. 12.807 tutti effettuati...

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | giovedì 17 novembre 2016, 10:54

Fusione tra Montalto e Carpasio: a gennaio i due consigli comunali per presentare richiesta di Referendum alla Regione

A gennaio 2017 si terranno due attesi consigli comunali in valle Argentina, quelli di Montalto e Carpasio, che sanciranno l’avvio relativo al progetto di fusione tra i due comuni. La popolazione ha manifestato l’interesse necessario tale da giustificare il ‘rischio’ di poter indire un referendum.

A gennaio 2017 si terranno due attesi consigli comunali in valle Argentina, quelli di Montalto e Carpasio, che sanciranno l’avvio relativo al progetto di fusione tra i due comuni. La popolazione ha manifestato l’interesse necessario tale da giustificare il ‘rischio’ di poter indire un referendum.

Proprio di questo si tratta, ovvero la possibilità che  i due paesi non si esprimano in maniera coerente e unita, dopo aver improntato un’impressionante macchina organizzativa con un relativo dispendio di risorse economiche, poiché in entrambi i paesi per far passare la decisione la maggioranza dovrà esprimersi per il sì ma soprattutto bisognerà raggiungere anche il quorum. Senza la presenza anche di uno di questi due elementi questo sforzo potrebbe essere vanificato. 

Dai due consigli comunali i sindaci si aspettano di ottenere l’approvazione a procedere. La decisione presa dalla pubblica assise andrà integrata con una cospicua documentazione per giustificare la volontà espressa con la richiesta di fusione tra i due comuni.

A quel punto la pratica sarà inviata alla presidenza della Regione Liguria, che procederà a mettere in moto l’organizzazione del referendum, fornendo le date secondo i dettami della legge regionale. E’ verosimile pensare che la fine di questo cammino e quindi il referendum possa essere bandito nel 2018. Se questa fusione andasse in porto si tratterebbe del primo caso in Liguria.

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore