/ CRONACA

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Porto Maurizio Borgo Marina Imperia Fronte Mare bellissimo trilocale completamente ristrutturato e arredato, con aria...

Condizioni perfette diesel intergrale colore grigio scuro

J300 S.E. ABS immatricolato 09/2016 versione Limited Edition colori Kawasaki verde/nero km. 12.807 tutti effettuati...

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | mercoledì 21 settembre 2016, 17:15

Ventimiglia: numeri sempre elevati al Parco Roja dove stanotte hanno dormito in 800, situazione tranquilla

Sono circa 12/13 al giorno fissi, più altri che vanno e vengono oltre ad una operatrice marocchina che fa da interprete e che supporta ogni mattina i medici dell’Asl che svolgono le visite ai presenti, circa 40/50 al giorno, per tutti fortunatamente solo per problemi di poco conto.

Numeri sempre molto alti per il centro di accoglienza del Parco Roja a Ventimiglia, dove gli operatori della Croce Rossa Italia ed i volontari che si alternano all’interno, provvedono ad accogliere e ad aiutare i migranti che si presentano ogni giorno.

Sono circa 80 i profughi che, in media, si presentano ogni giorno per essere accreditati, a tutte le ore. Moltissimi attendono in coda, anche per consumare i pasti ma, come confermano i responsabili del campo, non si verificano mai problemi di sorta nonostante gli alti numeri.

Questa notte hanno dormito al Parco Roja circa 800 migranti, sempre un numero elevatissimo, mentre la cena di ieri è stata servita ad altrettante persone. Oggi a pranzo erano 20 in meno, ma la situazione è sempre difficile, nonostante operatori Cri e volontari se la cavino sempre bene.

Sono circa 12/13 al giorno fissi, più altri che vanno e vengono oltre ad una operatrice marocchina che fa da interprete e che supporta ogni mattina i medici dell’Asl che svolgono le visite ai presenti, circa 40/50 al giorno, per tutti fortunatamente solo per problemi di poco conto. Ogni giorno alcuni operatori svolgono anche lezioni di italiano, francese ed inglese.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore