/ Arma Taggia Valle Argentina

Spazio Annunci della tua città

Bellissimo Motore nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali Riscaldamento ...

Imbarcazione in ottimo stato, Coperta e pozzetto in teak-Falchetta e trincarni in mogano verniciato.Verricello...

In area vista mare, fornita di tutti i servizi necessari ad una vita sociale; due livelli fuori terra ed un piano...

Strepitosa occasione composta da soggiorno più angolo cottura due camere ,,gran terrazzo più grande giardino...

Che tempo fa

Cerca nel web

Arma Taggia Valle Argentina | domenica 21 agosto 2016, 15:13

Triora: ad una settimana dal Festival del libro, la filosofa Maria Giovanna Farina ci racconta "il suo De Andrè"

“Si fa presto a definire qualcuno poeta, ma non è così. Un poeta è colui che usa metafore e che scrive qualcosa che arriva da una parte sconosciuta di sè, proprio come faceva Fabrizio”

Lo scorso 14 agosto il borgo di Triora è stato invaso da libri, scrittori e artisti. Nei vari appuntamenti giornalieri dedicati ai libri, quello finale ha rappresenta sicuramente uno dei più attesi: la serata dedicata a fabrizio De André. Maria Giovanna Farina filosofa, consulente filosofico e scrittrice nell'ambito della manifestazione, ha condotto il “Gala serale” dove ha intervistato diversi autori coinvolti in un mix di parole e musica sulle note delle celebri canzoni del cantautore genovese.

“Questa serata è stata preparata a lungo e ufficializzata sul sito della Fondazione di De André. Conosco Fabrizio fin da bambina, da quando a scuola ci insegnavano La canzone di Marinella ma questo contesto è stato interessante e vivace perché abbiamo messo assieme letteratura e musica. E' stato un brillante esperimento per porre a confronto due libri: Sotto le ciglia e La versione di C e ciò che ne è risultato è l'importanza della figura del padre. Quindi la figura di Fabrizio, ma anche dei suo padre e, in un ultima analisi anche di Cristiano De André, a sua volta padre” commenta la filosofa.

Durante la serata sono intervenuti altri scrittori sullo stesso tema tra cui Alberto Pezzini, mentre con Gipo Anfossi si è trattato l'elemento più autobiografico dell'autore. Alla conferenza dedicata a De André hanno partecipato anche Bruno Morchio e Simona Baldelli. Alle parole è stata affiancata la musica, rigorosamente di De André, suonata dai Franzskani, che hanno seguito in modo preciso e fedele le note di Fabrizio, ma senza cadere in una imitazione inimitabile.

“Si fa presto a definire qualcuno poeta, ma non è così. Un poeta è colui che usa metafore e che scrive qualcosa che arriva da una parte sconosciuta di sè, proprio come faceva Fabrizio” conclude Maria Giovanna Farina.


Stefania Orengo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore