/ CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | mercoledì 17 agosto 2016, 10:46

Sanremo: operazione congiunta della Guardia Costiera e della Polizia Municipale per il sequestro di materiale lasciato incustodito sulle spiagge libere

Sono in tutto 48 gli "accessori" tra ombrelloni, sedie e sdraio sequestrati dagli uomini del Comandante Vincenzo Fronte insieme al personale della Polizia Municipale.

Questa mattina nel corso di un’attività congiunta, la Guardia Costiera e della Polizia Municipale Sanremo hanno provveduto a sgomberare alcune delle spiagge libere del Comune da sdraio ed ombrelloni abbandonati, restituendole al pubblico uso della cittadinanza.

Sono in tutto 48 gli "accessori"  tra ombrelloni, sedie e sdraio sequestrati  dagli uomini del Comandante Vincenzo Fronte insieme al personale della Polizia Municipale.

L’abbandono di sdraio, ombrelloni o affini sulla spiaggia contrasta con l’articolo 4 dell’Ordinanza Balneare n°126/2016 del Comune di Sanremo che vieta di “lasciare incustoditi sulle spiagge libere ombrelloni, sedie a sdraio, tende o altre attrezzature comunque denominate”. Piazzare questo materiale anzitempo per poi lasciarlo, o depositarlo in spiaggia per il giorno dopo, allo scopo riservarsi un "posto", configura una violazione amministrativa, sanzionata ai sensi del Codice della Navigazione con una sanzione di 200 euro.

Le attrezzature sequestrate sono state rimosse dalla Guardia Costiera e dalla Polizia Municipale, e depositate presso la sede del Comando di Polizia Municipale matuziano.

L'operazione condotta dalla Guardia Costiera in collaborazione con il Corpo di Polizia Municipale del Comune di Sanremo, si colloca nel più ampio contesto della campagna di sicurezza balneare "Mare sicuro 2016" del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera che pone tra i propri obiettivi, anche quello di tutelare la collettività da ogni forma di abuso teso a limitarne il diritto di fruizione del mare e delle spiagge destinate al libero uso.

L'’Ufficio Circondariale Marittimo di Sanremo ricorda che per ogni emergenza in mare è sempre attivo, 24 ore su 24 su tutto il territorio nazionale, il numero blu gratuito per le emergenze in mare 1530, che permette di contattare la più vicina Capitaneria di porto per ricevere un'assistenza immediata.


C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore