/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | 18 maggio 2016, 15:18

Bordighera: confermato domani 19 maggio incontro pubblico sulla gestione dell’acquedotto e il trasferimento a Rivieracqua

Pallanca: "L'adesione porterebbe ad un aumento considerevole sulle bollette e in questo momento caricare ulteriormente di maggiore oneri i cittadini è fonte di grandissima preoccupazione per noi”.

Bordighera: confermato domani 19 maggio incontro pubblico sulla gestione dell’acquedotto e il trasferimento a Rivieracqua

Per rendere edotta la popolazione su queste scelte relative al servizio idrico e alla gestione dell’acquedotto il Sindaco Giacomo Pallanca ha ritenuto importante promuovere un incontro pubblico con la cittadinanza insieme all’avvocato incaricato del procedimento Pietro Piciocchi. L’incontro si terrà domani giovedì 19 maggio alle ore 18:30 nella Sala Rossa del PalaParco.

Ai sensi della normativa regionale, con deliberazione dell’assemblea AATO Idrico era stato affidato nel 2012 il servizio idrico dell’Ambito imperiese alla società consortile pubblica Rivieracqua per 30 anni. Tale deliberazione comportava il subentro nella gestione degli acquedotti comunali di Bordighera della Provincia di Imperia da parte della società. Il Comune di Bordighera aveva però, ritenendo inammissibile e illegittimo il provvedimento, proposto ricorso al TAR a cui era seguito anche l’appello al Consiglio di Stato che ad oggi non si è ancora espresso.

Nella deliberazione del 3 marzo scorso il Consiglio Provinciale ha disposto che entro il 12 maggio prossimo Rivieracqua dovrà subentrare nella gestione del servizio idrico bordigotto. Un passaggio che la giunta ha ritenuto di interrompere impugnando la delibera proprio in virtù dell’esito della sentenza del Consiglio di Stato che non è ancora stato decretato.

Non ritenevo che in quella circostanza specifica ci fossero ancora sufficienti credenziali per permettere il subentro della gestione” ha giustificato Pallanca il voto di astensione nel Consiglio Provinciale del 24 febbraio – l’incontro pubblico ha come obiettivo quello di spiegare ai cittadini tutto l’iter amministrativo dalle sue origini ad oggi e le motivazioni per le quali il Comune di Bordighera continua a posticipare la propria adesione”.

Riteniamo – ha concluso il Sindaco - che i cittadini debbano avere un quadro generale del percorso svolto dall’Amministrazione e di quelle che potrebbero essere le possibili conseguenze a seguito dell’ingresso della società consortile. Una delle maggiori preoccupazioni del Comune è che, essendo la tariffazione ad oggi una delle più basse della Liguria, la possibile se non quasi certa adesione porterebbe ad un aumento considerevole sulle bollette e in questo momento, dove la gente ha estrema difficoltà nei pagamenti, caricare ulteriormente di maggiore oneri i cittadini è fonte di grandissima preoccupazione per noi”.

Lorenzo Ballestra

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium